Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ingroia: "Non lascio la Magistratura"
di Redazione

L'ex pm di Palermo Antonio Ingroia è stato trasferito alla procura di Aosta come sostituto. Lo ha deciso il plenum del Csm con 19 voti a favore e 7 astenuti

Tags: Antonio Ingroia



Si è quindi preferito derogare alla circolare del Csm che stabilisce che chi si candida non può tornare a fare il pm che non alla legge sul sovrannumero, visto che al tribunale di Aosta Ingroia sarebbe in sovrannumero, mentre in Procura c'é un posto.
Aosta è l'unica circoscrizione in cui Ingroia - che ha preso parte alle elezioni di febbraio con Rivoluzione civile - non si sia candidato e quindi l'unica in cui potrebbe riprendere la sua attività di magistrato. La terza commissione del Csm, che nei giorni scorsi aveva esaminato il caso, aveva proposto il trasferimento al tribunale di Aosta, ma Magistratura Indipendente ha avanzato la proposta di uno spostamento alla procura. Per trovare una soluzione unitaria il plenum del Csm, che già si era riunito ieri pomeriggio, ha rinviato a oggi la decisione.
 
L'ex pm di Palermo aveva inviato al Csm una richiesta per essere ascoltato sulla questione del trasferimento ad Aosta ma il plenum del Consiglio é passato direttamente al voto che ha decretato lo spostamento del magistrato alla procura aostana. "C'é un orientamento contrario ad un ritorno della pratica in Commissione e a un audizione in plenum", ha spiegato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti.
 
Vietti ha specificato che al Csm è giunto questa mattina un fax da Ingroia con la richiesta di essere ascoltato relativamente alla pratica dell'assegnazione di sede e quindi della vicenda di Aosta. Roberto Rossi, presidente della III commissione, che in questi giorni ha esaminato il caso Ingroia prima del passaggio in plenum, ha spiegato che "formalmente non si può chiedere un ritorno della pratica in Commissione né credo ci sia un'ipotesi di audizione in plenum: c'é già stata un'interlocuzione". Rossi, inoltre, ha ritirato la proposta che prevedeva il trasferimento di Ingroia al Tribunale di Aosta ed è quindi rimasta valida ed è andata ai voti in plenum la proposta di Magistratura Indipendente finalizzata al trasferimento del magistrato alla procura.
"Ritengo utile - ha detto Rossi - per la salvaguardia istituzionale del Csm ritirare la mia proposta: su alcune vicende il Csm deve essere unito".
 
 
"Il trasferimento ad Aosta ha il sapore di un provvedimento punitivo". Lo ha detto Antonio Ingroia a Tgcom24.
"Il Csm ha fatto valutazioni che mi lasciano abbastanza sconcertato. Prendo atto delle decisioni che non mi sembrano ispirate da disponibilità e attenzione nei confronti di un magistrato come me che per 25 anni ha dedicato la propria vita e la propria attività nella lotta alla mafia", aggiunge Ingroia.
"Ne prendo atto e aspetto che mi venga notificato il provvedimento - aggiunge - Non so le ragioni perché si è parlato di alcune regole come se fossero inflessibili ma lo stesso CSM ha violato le regole che dice di essersi dato. Mi mandano a fare il Pm e non il giudice, violando la regola che chi rientra da un'aspettativa politica non può fare il pm".
"Perché - dice ancora - fare un'eccezione a questa regola e non eccezioni a regole relative a sede di destinazione e funzioni? E' difficile non scorgere un effetto punitivo in questi provvedimenti. Ne terrò conto". Ingroia ha escluso comunque le dimissioni dalla magistratura.
 
"Dimissioni imminenti? Direi di no.
Magari qualcuno lo vorrebbe". Prima di prendere qualsiasi decisione, compreso un ricorso al Tar, "perché non si esclude mai nulla - dice - attendo la notifica del provvedimento del Csm".
 

Articolo pubblicato il 11 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus