Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mai più Giampilieri se si previene
di Melania Tanteri

Dati Ispra, Cresme e Protezione civile: basterebbero 3 miliardi per mettere in sicurezza un territorio tra i più friabili. Assetto idrogeologico: 35 i piani regionali approvati, ma solo 4 adottati

Tags: Messina, Dissesto Idrogeologico, Giampilieri



PALERMO – Nelle scorse settimane Legambiente ha ricordato a tutti una solenne evidenza: la mancata prevenzione è deleteria per la vita umana e per i danni provocati. Secondo i dati dell'Ispra gli ultimi venti anni sono costati, in materia di danni da frane e alluvione, circa 30 miliardi di euro in tutta Italia.
In Sicilia, dove al rischio idrogeologico si somma quello sismico, le tragedie del territorio hanno provocato vittime e distrutto manufatti e attività produttive. Per rimettere in sesto il territorio, limitando al contempo l'abusivismo edilizio, servono investimenti che, come minimo, partano da un miliardo e mezzo e un grande piano che metta in sicurezza le abitazioni e le strutture strategiche. Le calamità naturali sono imprevedibili, ma così si eviterebbe di dar loro una mano come accade da anni. (continua)

Articolo pubblicato il 23 aprile 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus