Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Costa del Sol, paradiso per i golfisti. Una vacanza tra i green, il mare e i locali chic
di Nicoletta Fontana

Uno splendido patrimonio artistico, musei sempre aperti e un ricco calendario di festival per un esperienza indimenticabile

Tags: Marbella, Spagna



MARBELLA - La Spagna è considerata leader europeo del golf e punto di riferimento obbligato per gli amanti di questa disciplina. Il clima mite, non solo in estate, favorisce la pratica di questo sport e attira soprattutto quel turismo nord europeo che durante la stagione invernale non riesce a giocare nella propria nazione.

Gli ottimi collegamenti aerei internazionali e le buone infrastrutture di comunicazione fanno sì che la Costa del Sol sia considerata la capitale di questo sport, tanto da essere soprannominata la “Costa del Golf”. Se a tutto ciò si aggiunge un patrimonio storico artistico di prim’ordine, musei sempre aperti, un ricco calendario di festival ed eventi folkloristici, accompagnati da un’ottima gastronomia, i giochi sono fatti. I campi della Costa Del Sol sono più di 39, partendo da Vèlez-Malaga fino ad arrivare a Sabinillas, a poca distanza da Gibilterra, collegati fra loro da una rete viaria di ottimo livello che permette di spostarsi da un campo all’altro con facilità.

Capitale indiscussa del golf è Marbella, situata in una baia protetta dalla Sierra Blanca e circondata da belle spiagge. Il suo prestigio a livello internazionale è tale che ci sono club che annoverano soci provenienti da più di venti nazionalità diverse. Marbella annovera più di una dozzina di campi d’eccellenza a 9,18 o 27 buche. Tra i tanti segnaliamo l’Aloha Golf Club, un campo naturale con vegetazione molto varia, e Los Arqueros Golf & Countr Country Club, che offre un percorso altrettanto impegnativo, adatto a giocatori di ogni livello. La varietà delle buche e le stupende vedute su mare e sulla montagna trasformano una prima visita a Los Arqueros nell’inizio di una passione. Originale anche il La Dama de Noche Golf Club, un campo unico in Europa perché è illuminato da 36 colonne di luce alte 12 metri. La Quinta Golf & Country Club presenta un percorso da 27 buche mentre Los Naranjos Golf Club è considerato un paradiso per la pratica di questo sport, perché la grande differenza tale tra le prime 9 buche e le altre 9, che regala l’impressione di trovarsi su due campi diversi. Sulla strada per Cadice si trova il Golf Club del Marbella Resort, che presenta un percorso con 18 buche di grande complessità, disegnate da Robert Trent Jones.

Tutti i campi della zona sono eccezionalmente verdi, in contrasto con le acque azzurre che li circondano e il sole caldo che accompagna i golfisti lungo tutti i farway. Dopo una lunga giornata di sport, è bello perdersi tra le vie del centro storico della cittadina, con i suoi angoli dal tipico sapore andaluso, le sue case bianche che nascondono ristoranti dalla gastronomia raffinata e boutique eleganti che soddisfano le esigenze del jet set internazionale che affolla Marbella tutto l’anno, oppure passeggiare sulle banchine della marina di Puerto Banus, che non solo accoglie le imbarcazioni di tutti gli amanti del diporto internazionale, ma anche funge da cuore pulsante dello shopping e della movida locale.
 


INFORMAZIONI

HOTEL
Hotel Don Carlos
www.hoteldoncarlos.com/it/index.jsp‎
Hotel Melia La Quinta Golf & Resort
www.melia.com

Hotel Don Pepe
www.melia.com

Articolo pubblicato il 17 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐