Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Quei poverissimi nomadi e un impero da tre mln di euro
di Redazione

Ingente patrimonio sequestrato a Giacomo Liotta, detto il “Re di Adrano”

Tags: Giacomo Liotta, Adrano, Nomadi



CATANIA - Un patrimonio da oltre tre milioni di euro, conti correnti, buoni fruttiferi, quote azionarie, ma anche tre ville, auto e camper di ultima generazione. È l'impero che gli agenti della divisione anticrimine della Polizia di Cagliari hanno sequestrato tra Adrano, in provincia di Catania, Ragusa, Milano, Roma e Verona a un gruppo di nomadi - inizialmente stanziati in Sardegna ma da tempo in Sicilia - riconducibili tutti alla famiglia di Giacomo Liotta, 57 anni, definito “il re di Adrano”, già finito nei guai in passato per furti, truffe, rapine, possesso ingiustificato di valori e recentemente anche per associazione a delinquere finalizzata alle scommesse clandestine.

Gli agenti, coordinati dal primo dirigente Gabriella Acca, hanno portato a termine il sequestro cautelare dei conti correnti e degli immobili riconducibili ai nomadi. Le indagini della Polizia sono partite lo scorso anno. Sotto i riflettori è finito uno dei figli di Liotta, Salvatore, che viveva a Quartucciu, nel cagliaritano. L'attenzione degli investigatori si sarebbe prima concentrata su alcune truffe messe a segno dai nomadi, poi si è iniziato a scavare sul loro patrimonio. È bastato poco alla Polizia per scoprire che i nomadi ogni anno presentavano dichiarazioni dei redditi ai limiti della povertà - 1000/1.500 euro in un anno - ma erano in possesso di beni e conducevano una vita decisamente al di sopra delle loro possibilità.

Utilizzando le varie banche dati, tra cui quella dell'Agenzia delle Entrate, gli investigatori sono riusciti a ricostruire gran parte del patrimonio dei nomadi: individuati libretti di deposito, buoni fruttiferi, quote azionarie di fondi comuni di investimento, polizze assicurative su Milano, Roma, Verona, Ragusa per quasi un milione e 300 mila euro. Tutti investimenti fatti negli ultimi cinque anni in contanti. Individuate tre ville ad Adrano divise in sette appartamenti, 13 auto e tre camper. Grazie alle legge 159 del 2011 la Divisione Anticrimine di Cagliari ha proposto all'autorità giudiziaria il sequestro cautelare, eseguito ieri.

Ma le indagini non sono finite. Si scava per tracciare i collegamenti dei nomadi con le banche dove sono state versate le somme di denaro e dove hanno ottenuto anche ingenti fidi. E si scava anche su come l'impero sia stato costituito: non si esclude che il denaro sia stato guadagnato anche con il riciclaggio derivante dalle sommesse clandestine.

Articolo pubblicato il 31 maggio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐