Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Dall’Ue boccata di ossigeno per 1 milione di aziende agricole
di Redazione

La soddisfazione di Giovanni La Via (Ppe): “Manovra da 20 milioni € per l’Italia”. Bloccato taglio del 5% sui pagamenti diretti inferiori a 5mila euro”

Tags: Agricoltura, Unione Europa



Strasburgo – “Si tratta di un risultato importante che può essere quantificato in circa 20 milioni di euro per l’Italia, nell’ambito dei pagamenti diretti destinati all’agricoltura”. Così Giovanni La Via, capo delegazione italiana del Ppe al Parlamento europeo e relatore della Politica Agricola Comune, commenta il voto con cui ieri l’Aula di Strasburgo ha approvato la risoluzione che prevede il taglio del 5% per i pagamenti diretti, escludendo quelli sotto la soglia dei 5mila euro.

In questo modo, gli agricoltori italiani –per una buona fetta medio-piccoli- hanno evitato una mannaia che gli consentirà di conservare un tesoretto di circa 20 milioni euro rispetto a chi subirà l’imposizione del taglio.
La battaglia condotta dai parlamentari italiani ha reso possibile l’esclusione dalla direttiva dei tanti operatori del settore che ricevono pagamenti di entità minore di 5mila euro.

“Per il nostro Paese –prosegue La Via- si tratta di un ottimo risultato, considerato che coloro che ricevono i pagamenti diretti per quantitativi inferiori ai 5mila euro, sono un numero significativo. Grazie ad un insistente lavoro di squadra –sottolinea- siamo riusciti ad escludere dalla misura tutti i beneficiari di pagamenti di entità inferiore ai 5mila euro, vincendo la battaglia contro i Paesi del centro e del Nord dell’Europa che, avendo per lo più imprese di grandi dimensioni sul territorio, premevano per un taglio dei pagamenti che includesse tutti gli agricoltori”.

Il Parlamento ha così approvato la risoluzione che prevede il taglio del 5%, ma è riuscito a dare una risposta concreta all’agricoltura italiana grazie al lavoro condotto dalla delegazione italiana al Parlamento europeo che ha bloccato il taglio per una fascia imprenditoriale che conta circa 1 milione di aziende italiane. “è un risultato che è frutto dell’attività della nostra delegazione –conclude La Via- che ancora una volta si dimostra attenta alle esigenze dei nostri imprenditori agricoli, portando a casa risposte concrete”.

Articolo pubblicato il 13 giugno 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
Giovanni La Via
Giovanni La Via