Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Decreto del fare, più lunga la rateizzazione Equitalia
di Redazione

Per le persone in comprovata difficoltà, 120 rate mensili prorogabili

Tags: Equitalia



CATANIA - Rateizzazione Equitalia più lunga grazie al decreto del fare emanato dal governo Letta. il D. L. n. 69 del 2013 che ha modificato il piano di rateizzazione delle cartelle esattoriali in senso più favorevole per il contribuente è chiarita con una direttiva della stessa società di riscossione, datata 1 luglio 2013. Cambiamenti, dunque, in arrivo sulle modalità di rateazione dei debiti.
I contribuenti che non hanno sufficiente liquidità o che attraversano un momento di difficoltà potranno ottenere più tempo.
 
L’obiettivo è quello di assicurare sin da subito sempre maggiori tutele per i contribuenti, adottando i provvedimenti disposti per andare incontro alle difficoltà di famiglie e imprese. Il decreto del governo Letta ha stabilito che se il contribuente si trovi in situazione di comprovata difficoltà economica, può chiedere la rateazione Equitalia in 120 rate mensili, prorogabili una sola volta per altri 120 mesi, a condizione che non sia intervenuta decadenza (attualmente, la legge prevede due dilazioni da 72 rate mensili). Le rate Equitalia scadranno nel giorno di ciascun mese indicato nell’atto di accoglimento dell’istanza di rateazione. Si decadrà dalla rateazione solo in caso di mancato pagamento di 8 rate, anche se non consecutive e l’agente della riscossione non potrà iscrivere ipoteca in pendenza di cartella esattoriale pagata a rate.

Nello stesso decreto si precisa inoltre che “le modalità di attuazione e monitoraggio degli effetti derivanti applicazione del meccanismo di rateazione sono demandate ad un apposito decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro 30 giorni dalla data di conversione del decreto legge di riferimento”. Inoltre “sino a tale data, si legge nella direttiva di Equitalia, le istanze di rateazione continueranno ad essere evase secondo le istruzioni precedentemente impartite”.

Ciò significa che, almeno per il momento, non saranno concesse rateizzazioni fino a 120 rate, se non viene prima emanato il decreto ministeriale.

Articolo pubblicato il 11 luglio 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus