Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sequestro da 250 mln € alla holding dei Ligresti
di Redazione

L’equivalente degli utili illeciti finiti alla Premafin con presunte irregolarità

Tags: Ligresti



ROMA - È stato eseguito dalla Guardia di Finanza il sequestro preventivo di beni per oltre 250 milioni di euro riferibili alla famiglia Ligresti. Il provvedimento riguarda alberghi di lusso, complessi immobiliari, conti correnti e polizze assicurative ed è stato emesso dal Gip di Torino Silvia Salvatori.

Il maxi sequestro è stato disposto nell'ambito dell'inchiesta “Fisher Lange”, l'indagine che ha portato il 17 luglio scorso all'arresto dell'intera famiglia Ligresti e di alcuni ex top manager di Fondiaria Sai con le accuse di falso in bilancio aggravato e manipolazione del mercato. La misura cautelare è scattata in conseguenza dei nuovi accertamenti svolti dagli uomini del Nucleo di polizia tributaria di Torino, coordinati del procuratore aggiunto Vittorio Nessi e dal sostituto Marco Gianoglio. Secondo le stime delle Fiamme Gialle, il totale dei beni sequestrati (251,6 milioni) e riferibili alla Fondiaria Sai, alla famiglia Ligresti e agli altri ex manager arrestati, corrisponde al profitto illecitamente ottenuto attraverso i reati commessi dagli arrestati.

Sequestrati hotel Torino, Milano, Campiglio e Taormina: sono il “Principe di Piemonte” di Torino, il “Naxos Beach"”di Taormina, il “Grand hotel Fiera Milano”, il “Golf hotel Campiglio” e gli alberghi della catena “Atahotels” riconducibili alla famiglia Ligresti e posti sotto sequestro dalla Gdf nell'ambito dell'indagine della Procura di Torino.

Tra i beni sequestrati in diverse parti d'Italia - 25 complessivamente le province in cui hanno operato i finanzieri su disposizione del Gip di Torino - anche il comprensorio di Milano dove risiede la famiglia Ligresti.

Si tratta di un “sequestro preventivo per equivalente” quello disposto dal gip Silvia Salvadori. A chiederlo erano stati i magistrati della Procura nel quadro dell'indagine Fonsai. La somma indicata, secondo quanto si apprende, si riferisce con esattezza all'ammontare degli utili illeciti, pari a circa 253 milioni, che sarebbero finiti alla holding dei Ligresti, la Premafin, grazie a irregolarità nella compilazione del bilancio della compagnia assicuratrice e, in particolare, all'alterazione della voce “Riserva sinistri”.

Articolo pubblicato il 13 agosto 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus