Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Passo per passo, come agire quando si smarrisce il bagaglio
di Andrea Carlino

I risarcimenti a carico delle compagnie, i moduli, la tempistica

Tags: Bagaglio, Aeroporto



CATANIA - È una scena che si ripete, purtroppo, spesso per chi viaggia in aereo: il volo è appena atterrato, aspettiamo sul nastro trasportatore i bagagli, ma il nostro non si trova. Come bisogna comportarsi in caso di bagaglio smarrito?
Se al termine di un volo il vostro bagaglio non compare sul nastro trasportatore e quindi risulta smarrito, avete diritto ad un rimborso. Innanzitutto, prima ancora di uscire dall'aeroporto dovete recarvi all'Ufficio oggetti smarriti (lost and found) muniti di biglietto aereo e scontrino bagagli e qui compilare l'apposito modulo Pir (Property irregurarity report) descrivendo con la maggior precisione possibile le vostre valigie. Il più delle volte il bagaglio smarrito viene ritrovato entro 24 ore.

Trascorse  le prime 24 ore, se il bagaglio smarrito non è stato ancora rintracciato e voi non siete residenti in quel luogo, alcune compagnie vi daranno subito una certa cifra per le piccole spese urgenti.  Per il bagaglio definitivamente smarrito, danneggiato o consegnato in ritardo si ha diritto a un risarcimento massimo di 1.167 euro circa per voli assicurati da compagnie Ue in tutto il mondo.  Attenzione, però, dovete fare una richiesta entro 21 giorni dalla data di effettiva avvenuta riconsegna del bagaglio.

Per quanto riguarda invece compagnie aeree che non aderiscono alla Convenzione di Montréal del 1999, in caso di smarrimento o danneggiamento del bagaglio è previsto un risarcimento fino a 20 euro per kg per arrivare fino a un massimo di 388 euro solo nel caso in cui il danno sia imputabile alla Compagnia aerea. La compagnia aerea è responsabile anche se il suo comportamento è esente da colpa, salvo difetto inerente al bagaglio stesso o che la compagnia medesima dimostri che la responsabilità del danno è imputabile al passeggero o che lo stesso vi ha contribuito per negligenza, atto illecito od omissione.

Il risarcimento si limita ai danni materiali, mentre sono esclusi i danni immateriali (ad esempio risarcimento da rovinata vacanza). In caso di ritardata consegna o perdita del bagaglio saranno in particolare risarciti gli acquisti per beni di prima necessità (in sostituzione dei propri effetti personali contenuti nel bagaglio), allegando gli originali degli scontrini o ricevute fiscali. Il diritto di risarcimento si prescrive nel termine di due anni.

Articolo pubblicato il 07 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus