Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Partecipate: tagli ed efficienza
di Redazione

Società passate ai raggi X per evitare spese inutili e garantire ai cittadini servizi degni di questo nome. Gli obiettivi principali della rivoluzione pensata dal sindaco di Palermo, Orlando

Tags: Palermo, Partecipate, Leoluca Orlando, Amat, Amap, Amg, Sispi, Rap, Gesip, Palermo Ambiente



PALERMO - Una rivoluzione per le società partecipate, con l’obiettivo di garantire una maggiore efficienza, un taglio dei costi inutili e servizi degni di questo nome ai cittadini del capoluogo. Con questi obiettivi l'amministrazione comunale guidata da Leoluca Orlando ha incontrato i vertici delle società partecipate.

In particolare il sindaco, accompagnato dagli assessori Lapiana, Abbonato, Barbera e Giuffrè - nonché dal segretario generale dal capo di gabinetto e dai capi area al personale e alle partecipate – ha voluto confrontarsi con i presidenti di tutte le società partecipate dal Comune (Amat, Amap, Amg, Sispi, Rap, Gesip e Palermo Ambiente).

Il sindaco ha voluto fornire indicazioni sul complessivo orientamento politico e amministrativo della Giunta rispetto alla gestione delle società "che dovranno rispondere a un’unica regia, superando la logica del passato basata su compartimenti stagni e spese senza controllo".

Le società dovranno inoltre tenere presente l'esigenza della qualità dei servizi resi ai cittadini con riferimento al fatto che il socio finanziatore è sempre lo stesso "e che quindi è indispensabile una riorganizzazione in tal senso delle spese, con la razionalizzazione, il coordinamento e l'unificazione dei servizi, delle manutenzioni, degli acquisti".

Il sindaco ha ricordato a tutti le indicazioni fornite dalla Corte dei Conti nel recente giudizio sui bilanci 2009-2011 e ha sottolineato l'opportunità, per una razionalizzazione dell'organizzazione dei costi e del personale, offerta dal recente Decreto del 31 agosto che permette la mobilità del personale fra le partecipate.

"Sarà questa – ha concluso il primo cittadino - la filosofia cui si orienteranno tutti i futuri atti dell'amministrazione a partire dai nuovi Contratti di servizio".

Articolo pubblicato il 11 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐