Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Attrarre investimenti internazionali al Sud
di Patrizia Penna

Un capitolo a parte destinato alla criminalità nel Mezzogiorno. Questo uno degli obiettivi del piano “Destinazione Italia”

Tags: Enrico Letta



ROMA - Il piano “Destinazione Italia”, che ha ottenuto proprio ieri il via libera dal Consiglio dei Ministri, si propone di attrarre investimenti esteri per ridare nuovo slancio e linfa vitale all’economia nazionale, in fase di stallo ormai da troppo tempo.
Il premier Enrico Letta crede fortemente in questo progetto e ha parlato di “un segnale forte che l’Italia lancia al mondo”.

“Cominceremo - ha detto - anche un road show nelle principali piazze finanziarie ed economiche, la cui prima tappa sarà l’incontro a Wall street la prossima settimana, a cui seguirà una tappa nei Paesi del Golfo il 7-8-9 ottobre”. “Destinazione Italia - ha continuato il primo ministro - è un piano di attrazione degli investimenti a cui diamo molta importanza, perché l’Italia ha un drammatico bisogno di investimenti esteri, abbiamo scarsa capacità di attrazione e cifre troppo basse di investimenti diretti. Noi vogliamo che questa attrattività cresca. Il piano include 50 misure, molto secche e semplici, per risolvere i problemi più grossi che le imprese incontrano venendo in Italia”.

Il testo è ancora in fase embrionale, tuttavia è interessante notare che al suo interno è stato inserito un capitolo a parte dedicato al Mezzogiorno.

Ciò è stato reso necessario al fine di “accompagnare gli investitori di fronte all’aggressione implicita o esplicità della criminalità”.
“Ben venga - ha detto la parlamentare Pdl, Dorina Bianchi, il riferimento al Mezzogiorno, con l’obiettivo di superare i problemi che le imprese straniere affrontano per investire in territori dove la presenza della criminalità organizzata è forte. Soprattutto il Sud ha bisogno di grande attenzione e di scelte ancora più incisive, ad esempio sul fronte fiscale, per rilanciare un territorio dalle enormi potenzialità”.

Articolo pubblicato il 20 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐