Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Polizza infortuni scolastici, la proposta di Altroconsumo
di Massimo Calamuneri

L’Associazione dei consumatori ha stilato una sorta di vademecum, mettendo in evidenza i vantaggi della stipula di una polizza contro gli infortuni scolastici

Tags: Scuola, Infortuni, Altroconsumo, Vademecum, Polizza, Assicurazioni, Prezzi, Educazione Fisica, Inail, Genitori



L’associazione dei consumatori Altroconsumo ha realizzato un vademecum per evidenziare i punti di forza e i vantaggi connessi alla stipula di una polizza infortuni negli istituti scolastici. La precaria condizione dell’edilizia scolastica – nella quale versano purtroppo anche molte scuole siciliane – suggerisce effettivamente di cautelarsi, considerato sopratutto il positivo rapporto costi/benefici relativo alla sottoscrizione delle polizze stesse (i prezzi delle assicurazioni, secondo l'associazione non sarebbero infatti poi così alti).
 
A fronte infatti di soli 7 o 8 euro l’anno di media, i genitori vedranno i propri figli tutelati e al riparo da possibili inconvenienti. Le scuole dal canto loro sono obbligate per legge a sottoscrivere un’assicurazione con l'Inail, ma questo tipo di polizze garantisce solo per gli infortuni che si svolgono nel corso delle attività di laboratorio e di educazione fisica, lasciando scoperto ogni altro possibile inconveniente o danno che si verifichi al di fuori di tali contesti.
 
Il consiglio di Altroconsumo è quindi quello di proporre agli istituti scolastici la sottoscrizione di polizze integrative, mentre in altri casi può essere la scuola stessa a proporre ai genitori la stipula di una formula integrativa che tuteli infortuni e responsabilità civile; in questo caso i genitori saranno obbligati ad accettare e a pagare il relativo premio annuo. La polizza integrativa garantisce di fatto una tutela contro gli incidenti che i bambini possono subire o provocare durante l’intero orario scolastico, includendo la responsabilità civile (pensiamo ai danni provocati a un altro bambino, ad esempio la rottura degli occhiali, o agli infortuni subìti a scuola) e ogni altro evento accidentale che possa verificarsi durante il percorso da e verso la scuola. Una buona assicurazione contempla infine anche la copertura per le eventuali spese sostenute: per ottenere il rimborso di tali spese è sufficiente richiedere gli appositi moduli nella segreteria della scuola dove è avvenuto l’evento accidentale e rivolgersi alla compagnia assicurativa che ha emesso la polizza sottoscritta dalla scuola stessa.

Articolo pubblicato il 24 settembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐