Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Etica e impresa, insieme si può: la lezione di David Lynch
di Luca Mangogna

Tommaso Dragotto: “Negli Stati Uniti quasi l’85% delle aziende applica un codice morale, qui è utopia”. Il regista statunitense torna in Sicilia per promuovere la meditazione trascendentale

Tags: David Lynch, Economia, Impresa, Tommaso Dragotto



PALERMO – Applicare l’etica nel fare impresa e utilizzare il metodo della meditazione trascendentale per migliorare tutti gli aspetti della propria vita. Sono stati questi i temi affrontati nel convegno “Impresa etica e sociale: un manifesto per una nuova coscienza”, presentato a Palermo a Villa Niscemi e svoltosi a Palazzo Steri organizzato in occasione nel programma per il 50° anniversario della Sicily by Car, azienda guidata e fondata da Tommaso Dragotto. Ospite d’eccezione del convegno è stato il regista e artista statunitense David Lynch, fautore della meditazione trascendentale, che per l’occasione ha presentato in anteprima nazionale il proprio documentario “Meditation Creativity and Peace”.

“Ci sono quattro concetti importanti per me – ha detto Lynch - Felicità, etica, essere umano e coscienza. Credo che proprio la coscienza sia il tesoro di ogni uomo, il luogo dove ricercare la propria felicità. Medito due volte al giorno – ha proseguito il polivalente regista statunitense – Mi ha dato facile accesso alle riserve illimitate di energia, creatività e felicità che abbiamo nel profondo. Questo livello di vita è a volte chiamato ‘pura coscienza’ ed è all’interno di ognuno di noi. Ma non avevo idea di quanto potente e profonda fosse questa tecnica fino a quando ho visto come la praticavano i bambini nelle scuole in aree disagiate, le donne vittime di violenza o chiunque soffra di stress post-traumatico”.

Secondo alcuni dati diffusi nel corso del convegno, la meditazione trascendentale ha effetti concreti sull’istruzione dei giovani (dal miglioramento dei risultati dei test sino al 10 per cento e al superamento dello stress sino al 40 per cento), sulle persone più adulte (riduzione sino al 47 per cento dei rischi di mortalità connessi ai malori cardiovascolari) e sulle dipendenze da alcol, tabacco e droghe, sino alla rimozione di traumi dovuti ad abusi fisici e psichici.

Sui concetti di etica sociale nell’impresa è invece intervenuto Dragotto, che non ha nascosto la propria soddisfazione nel vedere tagliare la propria azienda tagliare il traguardo del mezzo secolo di attività. “Questo per me vuol dire evocare una storia professionale che nasce, si sviluppa e si accompagna anche alla storia della Sicilia che non ho mai voluto abbandonare – ha detto Dragotto - Insieme ad altre realtà imprenditoriali siciliane, la mia azienda ha dimostrato che è possibile partire dalla Sicilia per costruire una solida realtà economica rispettosa dei valori dell'etica sociale e del capitale umano. Un’impresa è ‘etica’ quando produce economia sana, competenze, risorse professionali, cultura, promozione del territorio e delle potenzialità dei singoli individui. In questo momento storico credo che un convegno su etica e impresa possa essere un ottimo stimolo per riflettere su un tema così cruciale. In America l'85 per cento delle aziende applicano un codice etico, qui da noi è quasi un'utopia”. In un periodo così difficile per l’economia italiana e siciliana in particolare, Dragotto inoltre lascia un consiglio per i più giovani. “A loro – ha aggiunto l’imprenditore – dico di partire lontano per imparare, per poi ritornare e mettere in pratica qui quello che hanno appreso”.

Luca Mangogna
Twitter: @LucaMangogna

Articolo pubblicato il 16 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus