Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Truffe sui contratti energetici di luce e gas, ecco come difendersi
di Bruno Grande

Le truffe sui contratti di luce e gas sono in continuo aumento non solo per gli anziani: ecco alcuni consigli per difendersi e far valere i propri diritti

Tags: Truffe, Luce, Gas, Contratti, Anziani, Diritti, Aeeg, Fornitori, Rischi



Le tariffe energetiche di luce e gas sono sempre molto alte, questo è vero, ma non per questo dobbiamo abbassare la guardia e farci abbindolare da falsi operatori che ci offrono contratti a prezzi stracciati. Infatti questa è una delle tante tecniche di truffa sui contratti energetici, che viene fatta ai danni di ignari consumatori che, tentati dai prezzi bassi, finiscono per recedere dal proprio contratto con compagnie come Edison o Enel, per trovarsi con contratti senza alcun valore.
 
Le truffe sui contratti di luce e gas sono infatti in costante aumento, ma possiamo difenderci prestando attenzione a questi consigli. Innanzitutto è bene sapere con chi si ha a che fare. I truffatori senza scrupoli si presentano spesso come addetti alle vendite porta a porta e ci fanno un’offerta commerciale: le maggiori aziende fornitrici di energia, però, non lavorano in questo modo e non mandano propri dipendenti nelle case dei clienti.
 
Diverse sono le strategie per truffare e per ottenere con l’inganno dati sensibili del vostro conto corrente o i codici delle bollette dell’energia: ovviamente, sfruttando il malcontento per la crisi economica, il sotterfugio più gettonato è quello della (falsa) offerta vantaggiosa per un contratto energetico. Non vi fidate delle cifre troppo basse, non consegnate i vostri dati a nessuno e non firmate niente nel modo più assoluto.
 
Un altro stratagemma è quello di raccontare alla vittima che la compagnia per la quale è abbonato stia per fallire o abbia in programma di alzare i prezzi di gas e luce. Anche questo è un modo per farvi truffarvi: informatevi sempre autonomamente di cosa propone il vostro operatore.
 
Ma come difendersi nel caso siamo effettivamente stati vittime di truffe? Nel caso di contratti falsi o manipolati da professionisti del raggiro o comunque non aderenti alle condizioni proposte, possiamo chiedere il recesso entro 10 giorni con comunicazione tramite raccomandata a/r al nuovo operatore.
 
In ogni caso per denunciare truffe sui contratti o per segnalare eventuali irregolarità riscontrate ci si può rivolgere all’Aeeg (l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas). Sul sito internet dell’Aeeg è anche presente una lista nera dei fornitori segnalati a rischio truffa. Possiamo quindi tutelarci preventivamente da questi inganni che ogni anno mietono vittime in tutt’Italia.

Articolo pubblicato il 25 ottobre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus