Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Catania - “Tremano” la metro e l’aeroporto. I timori per il futuro dei trasporti
di Melania Tanteri

Fontanarossa escluso, Bianco: “I progetti di collegamento con Circumetnea e Fs ci sono”. Dubbi dei sindacati sulla tratta Stesicoro-Nesima: termini difficili da rispettare

Tags: Catania, Metropolitana, Aeroporto, Circumetnea, Fontanarossa



CATANIA - Doveva essere completata entro un anno circa, dallo stop subito a luglio, ma sono in tanti ad avere forti dubbi sul fatto che questo possa essere possibile. La costruenda tratta della metropolitana Stesicoro – Nesima sembra infatti destinata ad essere terminata in molto più tempo. O almeno così pensano i sindacati di categoria, che hanno chiesto un incontro direttamenre con il responsabile della gestione ministeriale, Virginio Di Giambattiista, per capire lo stato dell'arte e i tempi di consegna di un'opera fondamentale per la mobilità cittadina.

L'iniziativa è della Cgil di Catania, insieme a Filt, Fillea e Federconsumatori che, oltre a voler conoscere stato di avanzamento lavori e la realizzazione delle opere attualmente in corso, chiedono per la tratta Stesicoro – Nesima chiarimenti in relazione all'esigibilità dei finanziamenti “dei quali si hanno notizie solo giornalistiche – affermano – e sulla successiva cantierabilità dei progetti e la realizzazione delle opere per l’approvvigionamento elettrico necessario all’esercizio dell’intera tratta. Troppo tempo è trascorso e troppi soldi pubblici sono stati già spesi - si legge in una nota inviata dalle segreterie- ma non non è chiaro come e quando questa importante infrastruttura sarà completata”. Parlano di possibilità che quello che dovrebbe essere il mezzo di trasporto pubblico portante in un futuro per Catania diventi solo una costosissima incompiuta.

Il rischio – continuano - è a nostro avviso fortissimo.Terremo alta la vigilanza approfondendo anche il tema dell' integrazione di questa infrastruttura, nel complessivo sistema dei trasporti metropolitani con nuove iniziative”.
Già, perchè se le tratte in avanzata fase di realizazione hanno subito lo stop e se i finanziamenti per completarle dovessero non essere certi, risulta difficile immaginare a una nuova tratta Stesicoro – Aeroporto di cui, nel 2010, l'allora commissario della Ferrovia Circumetnea, Gaetano Tafuri, comunicava di una lettera del ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture, nella quale si parlava dell'assegnazione di 100 milioni di euro per la costruzione proprio della tratta in questione. “Con tali somme – dcieva allora il commissario Tafuri - il Ministero conferma la strategicità dell’intera tratta Stesicoro-Aeroporto e rimette la Fce all’interno del circuito dei finanziamenti pubblici erogati agli enti virtuosi. Un’opera per la quale erano già disponibili 90 milioni di euro. Con 190 milioni quindi si potrà cominciare a costruire la prima tranche dell’opera, fin dentro il cuore della città”.

Eppure, sembra che di progetti sulla Ferrovia circumetnea, che gestisce la rete metropolitana cittadina, ce ne siano. Lo ha affermato lo stesso sindaco Enzo Bianco, intervenendo recentemente sull'esclusione dell'aeroporto cittadino dalla rete di finanziamenti europei, a causa anche dell'assenza di infrastrutture. “Ci sono già i progetti – ha sottolineato il primo cittadino e siamo avanti nella fase della progettazione e della ricerca dei finanziamenti: si prevede un collegamento con la Circumetnea e con le Fs”.

Parole avvalorate da quelle dell'assessore regionale ai Trasporti, Nino Bartolotta. “Serve rimboccarsi le maniche e attivarsi almeno per far giungere a Catania tutti i finanziamenti possibili e immaginabili per lo sviluppo delle proprie infrastrutture - ha affermato recentemente - perché qui è mezza Sicilia che si gioca il suo futuro”.

Articolo pubblicato il 06 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus