Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Redditi, rimborsi e costi benzina, spese per i consiglieri ai raggi X
di Gaspare Ingargiola

I dati, che riguardano anche le Circoscrizioni, sono stati pubblicati sul sito istituzionale dell’Ente. Prosegue l’operazione trasparenza portata avanti dal Comune del capoluogo

Tags: Palermo



PALERMO – Prosegue l’operazione di trasparenza amministrativa avviata dal Comune. Dopo i redditi di sindaco, assessori e consiglieri comunali, sono stati infatti pubblicati sul sito istituzionale i redditi dei consiglieri di Circoscrizione, i rimborsi benzina dei consiglieri comunali fuori sede e i rimborsi ai datori di lavoro dei componenti di Sala delle Lapidi.

Partiamo dai consiglieri circoscrizionali (i valori sono da intendere lordi): nella I Circoscrizione i redditi complessivi più alti appartengono ad Antonio Nicolao, che nel 2012 ha dichiarato 32.095 euro, al vice presidente Ottavio Zacco (32.079) e a Giuseppe Randazzo (29.202). Nella II podio per Eugenio Marchese (45.043), Antonino Vella (40.229) e Francesco Paolo Scarlata (37.997). Nella III ai primi tre posti ci sono Benedetto Meli (40.841), Maurizio Scrima (39.906) e il vice presidente Dario Chinnici (37.293). Nella IV podio per Silvio Moncada (67.395), Francesco Ciprì (50.994) e Alessandro Schiera (34.940). Nella V spiccano Rocco Di Maggio (43.520), il presidente Fabio Teresi (41.345) e Umberto Lo Sardo (38.618). Nella VI ai primi posti ci sono Davide Farbo (64.396), Luigi Cardinale (48.948) e Marcello Susinno (40.709). Nella VII piazzati Antonio Barricelli (44.320), Natale Puma (35.260) e Fabio Costantino (27.654). Nell’VIII podio per Marcello Re (56.197), Giovanni Randisi (49.064) e Vincenzo Orlando (30.654).

In seconda battuta c’è il cosiddetto “pagamento del rimborso oneri”, secondo cui il Comune rimborsa i datori di lavoro privati (pagando tutto: stipendio lordo, tredicesime, quattordicesime, ecc.) dei consiglieri quando questi si assentano per motivi istituzionali, ovvero sedute di Consiglio o di Commissione. Le modalità del rimborso sono stabilite per legge (Dlgs. 267/2000). Le aziende possono presentare la richiesta in qualunque momento durante i cinque anni di mandato. Finora l’hanno fatto in 16: la Sirs società cooperativa Srl ha ricevuto per Rita Vinci un rimborso di 36.007,82 euro, che, tuttavia, è finito sotto la lente d’ingrandimento del sindaco Leoluca Orlando, in quanto l’interessata ha cambiato residenza e datore di lavoro, ottenendo peraltro un aumento di stipendio, appena due mesi dopo le elezioni. Il sindaco ha disposto di verificare la sua situazione e, nell’attesa, la consigliera si è autosospesa dal Movimento 139.

Dopo di lei, in ordine decrescente, i rimborsi (valori espressi sempre al lordo) sono spettati a Sicurtransport per Salvatore Finazzo (35.175,10 euro), Uisp per Rosario Filoramo (23.342,80), Tgs per Massimo Pullara (22.674,33), Sicilia Bella Srl per Alessandro Anello (21.403,21), l’Amat per Orazio La Corte (20.906,38), la Fenalca interprovinciale Sicilia per Mimmo Russo (20.527,56), La Barbaro Job Consulting per Pierpaolo La Commare (13.321,10), Unicredit per Edy Tamajo (12.718,04), che a dicembre 2012, dopo le elezioni regionali, è passato all’Ars, l’Amia per Giuseppe Milazzo (11.122,12), la Telecom per Carlo Di Pisa (759,13) e l’Ismett per Tony Sala (710,71).

La legge 148 art. 16 comma 11 avrebbe in realtà imposto paletti molto rigidi in tema di rimborsi, ma la Sicilia non l’ha ancora recepita. Tra i benefit di cui godono i componenti di Sala delle Lapidi ci sono anche i rimborsi benzina: i consiglieri residenti in altri comuni possono infatti farne richiesta tramite un certificato di residenza e una semplice autocertificazione, senza neppure presentare una fattura. Il rimborso non è forfettario ma ammonta a un quinto del carburante consumato: se nello stesso giorno il consigliere è costretto a fare più viaggi incasserà di più. Al settembre 2013 hanno presentato richiesta Salvatore Finazzo, residente a Cinisi, che ha ricevuto 5.866,59 euro per 64 km; Pia Tramontana, residente a Cinisi, 7.319,18 euro per 64 km; Rita, residente a Carini (anche in questo caso da luglio, due mesi dopo le elezioni), 5926,28 euro per 52 km. Spesa complessiva per piazza Pretoria: 19.112,05 euro.

Articolo pubblicato il 19 dicembre 2013 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus