Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

L’Ars “taglia”, ma costa uguale
di Raffaella Pessina e Lucia Russo

Bilancio preventivo 2014 di 160,9 milioni di euro, ovvero circa tre volte di più di quello del Consiglio della Lombardia. Diaria + 1 mln, pensioni + 2,9 mln, ex deputati + 511 mila, call center + 330 mila euro

Tags: Ars



La spending review operata sul bilancio interno dell’Assemblea regionale siciliana può essere definita semplicemente “cosmetica”, perchè complessivamente si è trattato di 3,2 milioni di euro in meno su un bilancio 2013 di 164 milioni di euro, ovvero una sforbiciata di appena l’1,9 per cento. Ma i deputati non si sono ridotti lo stipendio come prevede il decreto Monti? Sì questo è successo, ma in un bilancio dove le spese obbligatorie non superano il 45,7 per cento, è chiaro che c’è ancora molto da tagliare. Basti pensare che la Lombardia impiega, invece, il 70 per cento del suo bilancio in spese obbligatorie, eppure, su 68,7 milioni del bilancio del 2013 del suo Consiglio è stata capace di tagliare più di 5 milioni di euro, per cui costa sempre tre volte di meno dell’Assemblea regionale siciliana. C’è ancora tanta strada da fare per essere virtuosi. (continua)

Articolo pubblicato il 15 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus