Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Sulla Finanziaria pende il giudizio del commissario dello Stato
di Redazione

Gli uffici del prefetto Carmelo Aronica stanno spulciando i capitoli del bilancio e le norme della legge di stabilità per verificarne la tenuta e le compatibilità costituzionali. Sale l'attesa per il responso

Tags: Finanziaria, Bilancio, Regione Sicilia, Sicilia, Crocetta, Bianchi, Carmelo Aronica, Commissario Dello Stato Per La Regione Siciliana



Monta l'attesa nel governo siciliano e nell'Assemblea regionale per il responso del commissario dello Stato, Carmelo Aronica, sulla manovra finanziaria, mentre il clima nella maggioranza è incandescente per i rapporti sempre più tesi tra il Pd e l'Udc col presidente della Regione, Rosario Crocetta.
 
Gli uffici del prefetto hanno ricevuto i faldoni della manovra alla fine della scorsa settimana e si sono messi subito al lavoro: stanno spulciando i capitoli del bilancio e le norme della legge di stabilità per verificarne la tenuta e le compatibilità costituzionali. Un responso, quello del commissario, che secondo rumors interni alla maggioranza potrebbe avere ulteriori ripercussioni sui rapporti tra alleati e governo.
 
La posta in palio è altissima. L'attenzione maggiore è sul bilancio, in particolare sugli accantonamenti per 400 milioni a salvaguardia delle cosiddette entrate incerte, spesa che il governo ha 'congelato' fino al 30 giugno in attesa di chiudere l'accordo col Tesoro sulla cessione di quote di patto di stabilità, proprio alla luce dei colloqui informali avuti con gli uffici del commissario durante l'esame dei documenti contabili e finanziari.
 
C'è poi il fondo finanziato dalla manovra a copertura dei residui attivi, un punto sul quale insiste la Corte dei Conti anche in prospettiva della parifica del rendiconto. Ma ci sono anche alcune norme su cui il Governo ha investito molto in termini di comunicazione negli ultimi giorni: su tutte quelle che estendono alle coppie di fatto i benefici "a qualsiasi titolo" concessi alle famiglie "tradizionali".
 
Il responso del commissario potrebbe arrivare giovedì prossimo, giorno in cui l'Ars riprenderà i lavori d'aula dopo la maratona di bilancio e finanziaria.

Articolo pubblicato il 21 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus