Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rimborsi gonfiati, indagini a Villa Sofia
di Redazione

La Digos sta indagando su alcune cartelle cliniche di dimissione dei pazienti del reparto di Chirugia plastica dell'ospedale palermitano. Sarebbero state ritoccate per ottenere maggiori fondi dalla Regione

Tags: Chirurgia Plastica, Villa Santa Sofia, Regione Siciliana, Sicilia, Sanità, Salute



I poliziotti della Digos stanno indagando su alcune cartelle cliniche di dimissione dei pazienti del reparto di Chirurgia plastica dell’ospedale Villa Sofia di Palermo che sarebbero state gonfiate per ottenere maggiori rimborsi dalla Regione.
 
L’inchiesta sarebbe cominciata dopo la denuncia del nuovo primario del reparto, Matteo Tutino, che nel passaggio di consegne ha trovato un incremento di 800 mila euro tra il budget del 2011 e quello del 2012. Secondo il primario alcune schede di dimissioni ospedaliere (Sdo) potrebbero essere state gonfiate per ottenere maggiori rimborsi dalla Regione.
 
Gli agenti stanno passando al setaccio tutta l'attività svolta nel reparto. Dopo la denuncia l'azienda ospedaliera ha istituito una commissione di verifica. Lo scorso aprile la serratura della stanza di Tutino fu trovata bloccata dalla colla. A fine luglio la caposala trovò dentro un armadio dell'ambulatorio una ventina di kit per operare lo scafoide, strumenti per migliaia di euro che, secondo la direzione, non sarebbero mai passati dalla farmacia dell'ospedale.
 
“Abbiamo istituito una commissione che sta esaminando tutta la documentazione del 2012 anche negli altri reparti. Stiamo verificando se le incongruenze emerse a Chirurgia plastica nelle schede di dimissioni ospedaliere si trovano anche in altre unità”, ha detto il commissario straordinario Giacomo Sampieri.
 
“Nel 2013 abbiamo fatturato meno rispetto al 2012. Risparmiando così soldi pubblici e garantendo prestazioni sanitarie di livello - aggiunge Sampieri - La Regione in questo modo ha pagato in modo certo le prestazioni effettivamente erogate. Abbiamo controllato in tutto il 2013 che le schede di dimissioni ospedaliere (Sdo) erano perfettamente coerenti con le prestazioni erogate”.
 

Articolo pubblicato il 27 gennaio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐