Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Primarie siciliane del Pd, guida al voto
di Redazione

Domenica si sceglie il segretario regionale dei democratici e 180 componenti dell'assemblea regionale. Possono votare tutti, non è necessaria l'iscrizione al Partito. 

Tags: Pd, Primarie, Fausto Raciti, Giuseppe Lupo, Antonella Monastra



Domenica prossima in Sicilia si vota, dalle 8 alle 20, alle primarie del Partito democratico per eleggere il nuovo segretario regionale e i 180 componenti l'assemblea regionale (i restanti 120 saranno eletti dalle assemblee provinciali).
 
I tre candidati approdati alla seconda fase, quella del voto nei gazebo, dopo il voto degli iscritti nelle convenzioni, sono: Fausto Raciti (16.689, 69,80%); Giuseppe Lupo (5.576, 22,20%); Antonella Monastra (1.411, 5,57%). Saranno circa 500 i gazebo e 4.000 i volontari impegnati nelle operazioni di voto (qui la mappa dei seggi). Le Primarie sono aperte a iscritti e non.
 
Possono partecipare le elettrici e gli elettori, muniti di documento di riconoscimento e tessera elettorale, che dichiarino di riconoscersi nella proposta politica del Pd, di sostenerlo alle elezioni, e accettino di essere registrate nell'albo pubblico delle elettrici e degli elettori.
 
Per poter esprimere il proprio voto, bisogna devolvere un contributo di due euro destinato al territorio. Gli iscritti al Pd, in regola col tesseramento, non sono tenuti al versamento. L'elettore esprime il suo voto tracciando un unico segno su una delle liste all'Assemblea regionale collegate a ciascun candidato. P
 
Possono votare anche i minori, dai sedici anni, gli extracomunitari in regola con il permesso di soggiorno e i lavoratori e gli studenti fuori sede. I minorenni potranno registrarsi al seggio al momento del voto. I fuori sede possono votare anche in una provincia diversa da quella di residenza, purché ne abbiano fatto richiesta al Pd Sicilia entro il 14 febbraio alle 17. Le operazione di scrutinio iniziano subito dopo la chiusura dei seggi.
 
Diventa segretario regionale il candidato che abbia riportato la maggioranza assoluta dei voti. Qualora nessuno dei candidati abbia ottenuto questo risultato, il segretario sarà eletto in un ballottaggio, tra i due che avranno riportato il maggior numero di consensi, dai 180 componenti l'Assemblea regionale, che dovrà essere convocata entro 10 giorni dalle primarie.

Articolo pubblicato il 14 febbraio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus