Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Raffineria Gela, Eni sblocca investimento di 700 milioni di euro
di Redazione

Tags: Gela, Raffineria



GELA (CL) - Si sblocca, nella raffineria di Gela, il pacchetto di investimenti per 700 milioni di euro già programmati per la trasformazione a gasolio di alcune linee di produzione ma che nuove restrizioni ministeriali sul limite delle emissioni inquinanti avevano di fatto bloccato, in attesa di una sentenza del Tar di Palermo, al quale l'azienda si era nel frattempo appellata, senza richiesta di sospensiva.
 
Ancor prima della sentenza del tribunale amministrativo, Eni e ministero per l'Ambiente hanno raggiunto un'intesa di massima sulla determinazione delle nuove quote di biossido di zolfo (SO2) che gli impianti gelesi potranno immettere in atmosfera durante la produzione di energia elettrica.
 
L'ha reso noto ieri l'amministratore delegato della Raffineria di Gela, Bernardo Casa, intervenendo al congresso provinciale della Filctem, il sindacato dei chimici e dell'energia della Cgil. Casa ha detto che è stata accettata la proposta avanzata da Eni e Confindustria di non considerare la raffineria di Gela né interamente utilizzatrice dell'elettricità, che produce nella sua centrale, dove si brucia pet-coke, né interamente esportatrice di corrente; ma di procedere alla determinazione di "una media ponderata in relazione all'energia che viene utilizzata per uso interno (70%) e a quella che viene ceduta alla rete esterna (30%)", rientrando così nei valori di 700-800 normal metri cubi di SO2 che già adesso è in grado di rispettare.

Articolo pubblicato il 28 febbraio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus