Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

La Curcuma e il daikon: alimenti asiatici contro malattie occidentali
di Margherita Montalto

Antidolorifico e antisettico il primo, diuretico e drenante il secondo

Tags: Curcuma, Daikon



CATANIA - Se la salute passa dall’alimentazione, con poche e semplici mosse, ma costanti nel tempo, potremmo mantenere il benessere necessario alla qualità della vita. Per stare meglio assumiamo integratori alimentari, sempre naturalmente sotto controllo del medico. Ci sono alimenti non noti che recenti studi hanno dimostrato avere proprietà straordinarie. Grazie alla globalizzazione che ha integrato il mercato nazionale con i prodotti provenienti da altri Paesi, possiamo trovare quanto di più anche attraverso la grande distribuzione.

Non occorre spendere tanto, sono prodotti, spezie, ortaggi ormai facilmente reperibili. Essendo prodotti naturali i risultati si ottengono nel tempo e se si è costanti si è ripagati. Vi siete mai chiesto come mai in alcuni Paesi orientali la popolazione è meno predisposta a malattie che invece colpiscono molto gli occidentali? La Curcuma e il Daikon sono prodotti che giungono una dalle Indie, l’altra dall’Asia orientale. La curcuma è una polverina di color giallo-arancio che arricchisce semplicemente e con gusto le pietanze anche a crudo. Assomiglia al colore dello zafferano.

Le caratteristiche della curcuma sono straordinarie: è un potente ma naturale antiossidante capace di prevenire, ridurre e contrastare i radicali liberi, nemici del nostro organismo.  La curcuma è utilizzata come antidolorifico e antisettico e si può assumere come integratore naturale. La curcumina blocca gli effetti “di un enzima responsabile dell'insorgere della leucemia e dei tumori che colpiscono polmoni, fegato, reni, pelle, seno, colon e bocca” ottima per prevenire il tumore alla prostata. Si aggiunge  al pesce, alle verdure, alle zuppe. Un altro alimento è il poco conosciuto daikon. Il daikon, di colore bianco, dal sapore di ravanello ma più dolce, meno piccante. È una radice che può raggiungere una lunghezza che varia da 20 a 35 centimetri e un diametro di 5 o 10 centimetri. Viene usato nell’alimentazione giapponese per preparare insalate.

Consumato crudo semplicemente condito ha un sapore fresco e dissetante. Il daikon è associabile alla preparazione di minestre, zuppe e stufati. Sembra che il daikon vanti proprietà terapiche straordinarie. Alla radice sono attribuite proprietà diuretiche, drenanti e depurative. Viene utilizzato come brucia-grassi nelle diete, in quanto capace di sciogliere i depositi di grasso in eccesso. Bassissimo è il contenuto calorico: 100 grammi di radice forniscono solamente 90 kjoule (22kcal). È ricco di vitamina C.

Articolo pubblicato il 20 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐