Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Aste giudiziarie per beni mobili, al via la partecipazione da casa
di Adriano Agatino Zuccaro

Oggetti visionabili e acquistabili con carta di credito; Catania al top

Tags: Aste Giudiziarie, Internet, Web



CATANIA - Stop alle aste giudiziarie “in famiglia”, sconosciute ai più e a volte “pilotate”. In che modo? Con l’ausilio di internet. Se prima, infatti, per partecipare ad un’asta giudiziaria bisognava recarsi fisicamente alla sede dell’istituto vendite giudiziarie e ancor prima andare a vedere l’oggetto del desiderio nel posto in cui era ubicato, adesso qualcosa è cambiata; almeno per i beni mobili.

Catania non resta a guardare e segue l’esempio virtuoso di Trieste e Bari, capofila della rivoluzione informatica. Osservare, valutare e scegliere sono tre azioni che potranno essere svolte con calma e soprattutto senza alcun dispendio di energia e tempo, direttamente da casa. Tutto ciò è possibile grazie all’impegno della dottoressa Maria Acagnino, presidente della VI sezione del Tribunale di Catania che si occupa di esecuzioni. Il compito della dottoressa (e di tutto lo staff) è quello di recuperare un debito attraverso il pignoramento di beni immobili o mobili. Per quest’ultimi (ribadiamo) è scattata l’asta telematica che è garanzia di trasparenza, si rivolge ad un pubblico molto più vasto e anche in considerazione di ciò permette vendite più vantaggiose.

Il sistema messo in piedi a Catania si avvale dell’accordo stipulato tra Tribunale e Istituto vendite giudiziarie. L’istituto si occupa delle foto dei beni mentre Aste Giudiziarie, un’azienda pubblicitaria, si occupa dell’aspetto informatico, della messa in rete e della “preparazione della giusta vetrina” per il bene in questione. Per partecipare alle aste basta registrarsi al sito www.astegiudiziarie.it, fare la propria offerta e provare ad aggiudicarsi il bene. Il pagamento avviene con carta di credito. Nulla di più semplice. Il sito è di facile accesso, molto schematico e contiene beni da diversi tribunali italiani.

Le sezioni principali sono tre: vendite immobiliari, vendite mobiliari e riepiloghi. Selezionata la sezione si passa alla tipologia (tra i beni mobili troviamo abbigliamento, alimentari, veicoli, attrezzi, gioielli, opere d’arte; di tutto e di più) si potrà poi indicare il prezzo, provincia, comune per restringere il campo di ricerca. Le foto, a volte, non sono esaustive al cento per cento ma si tratta certamente di un’operazione trasparenza del tutto nuova a Catania che va assolutamente incoraggiata e le occasioni per fare un affare non mancano.

Articolo pubblicato il 21 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐