Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

In Sicilia consumato il 10% del suolo
di Redazione

La Sicilia è la terza regione per consumo di suolo, eppure non non ci sono ancora iniziative adegute per frenare il cemento. L'allarme dei geologici regionali: "territorio fragile e soggetto a crolli, frane e allagamenti" 

Tags: Alluvione, Frane, Consumo Di Suolo, Allagamento



PALERMO - Gli ultimi dati dell'agenzia nazionale in materia di consumo di suolo nelle aree urbane in rapporto al totale dell'area comunale registrano per Palermo un risultato pari al 38,1% che si traduce in 6.055 ettari, mentre a Catania la percentuale si ferma al 24,3 per 4.403 ettari. La Sicilia ha un dato compreso tra il 7 e l'8,5%, superiore alla media nazionale che nel 2010 ha raggiunto quota 6,9%. L'allarme è stato ribadito dall'ordine regionale dei geologi di Sicilia.
 
"Negli ultimi anni il consumo di suolo in Italia è cresciuto ad una media di 8 metri quadrati al secondo, mentre a livello regionale l'8-10% del suolo è stato consumato venendo meno aree naturali e agricole. A causa della conseguente impermeabilizzazione abbiamo perso tra il 2009 e il 2012 una capacità di ritenzione pari a 270 milioni di tonnellate d'acqua che, non potendosi infiltrare nel terreno, deve essere gestita producendo costi non solo ambientali ma anche economici". A fornire il dato è stato il consigliere dell'Ordine regionale dei geologi di Sicilia Calogero Cannella nel corso di un workshop di ingegneria naturalistica svolto a Sant'Agata di Militello e organizzato dall'Ente Parco dei Nebrodi. "In realtà la vera causa va ricercata, non tanto nei millimetri d'acqua caduti in un giorno o in un mese - ha precisato - ma nel consumo di suolo che ha reso il territorio talmente fragile da crollare, franare e allagarsi. Abbiamo trasformato l'acqua da fonte di vita in un nemico che passa, distrugge e uccide". Per arrivare ad una proposta indirizzata al monitoraggio territoriale per la previsione e la prevenzione dei rischi idrogeologici nel corso dello stesso workshop è stata sollecitata l'attivazione di uno specifico tavolo tecnico.
 
Le nostre inchieste sul consumo di suolo
 
 
 
 

Articolo pubblicato il 31 marzo 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐