Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Rifiuti speciali, Sicilia a perdere
di Rosario Battiato

Imprese in difficoltà per i costi, il 10% degli inerti pericolosi per la salute finisce ancora in discarica. In Lombardia 83 impianti per il recupero energetico, nell'Isola soltanto 6

Tags: Regione Siciliana, Rifiuti, Rsu, Discarica



PALERMO - I rifiuti speciali non possono essere sottovalutati. Sono assai più pericolosi dei rifiuti urbani e hanno un'incisività decisamente maggiore sulla produzione, soprattutto nella realtà siciliana che ospita diversi poli petrolchimici.
Eppure questa ingombrante presenza sembra quasi invisibile da un sistema che a livello impiantistico è tra i più poveri d'Italia.
Le gestioni da prendere a modello esistono da tempo. La Lombardia, ad esempio, utilizza 600 mila tonnellate all'anno di rifiuti speciali come fonte di energia a fronte di 83 impianti presenti sul suolo. La Sicilia, invece, tratta appena 52 mila tonnellate con 6 impianti distribuiti sul suolo regionale.
Uno scenario preoccupante che vede sedere a tavola anche la criminalità organizzata che sulla gestione dei rifiuti pericolosi ha sempre costruito business milionari.

Articolo pubblicato il 03 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐