Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Suolo zero, l’Isola perde terreno
di Rosario Battiato

In Sicilia cresce il consumo di cemento, in Lombardia ristrutturano l’esistente: affari per 4 mld in 5 anni. Il Cresme: ogni miliardo di investimenti crea lavoro per 15mila persone

Tags: Economia, Infrastrutture, Edilizia



PALERMO - La rinascita dell'edilizia è segnata dal cammino della stella della riqualificazione energetica. Lo dicono i dati dell'ultimo rapporto Cresme che hanno certificato una porzione sempre crescente del fatturato annuale derivato dalla manutenzione degli edifici e dall'efficientamento energetico.
Cifre che superano largamente anche il giro d'affari sulle nuove costruzioni. La Sicilia, invece, preferisce continuare sulla vecchia strada, producendo ancora importanti quantità di cemento legale e illegale, anziché investire sulla riqualificazione dell'esistente. La responsabilità non va ricercata in un solo fattore, ma c'è un errore di sistema che a vari livelli coinvolge cittadini, imprese, politica, pubblica amministrazione e istituti di credito.
E mentre la Sicilia dorme, altrove la ripresa è già partita.

Articolo pubblicato il 10 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus