Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Siracusa - Ad Augusta la strada scivola verso il mare
di Giuseppe Solarino

I commissari straordinari che guidano il Comune hanno intenzione di interpellare la Protezione civile. Interventi a vuoto vicino a piazza delle Grazie: nuova crepa nel manto stradale

Tags: Augusta



Augusta (SR) - Sebbene siano stati eseguiti numerosi interventi tampone, di cui l’ultimo alcuni mesi addietro, continua ad accentuarsi il nascere di dislivelli nella strada attigua a piazza delle Grazie di Augusta. Il manto stradale della carreggiata, ricoperto da un nuovo strato di asfalto, presenta una nuova crepa ed è in più punti sconnesso, e la strada in quel tratto è divenuta pericolosa per le autovetture che la percorrono. Il problema è stato segnalato recentemente dal presidente del Movimento Difesa dei diritti del cittadino, Giuseppe Scarpato.

“Continuo a raccogliere le lamentele degli automobilisti che, percorrendo la strada, notano lo stato sempre più precario in cui versa la carreggiata –dichiara Scarpato - più volte, in passato, si è provveduto al rifacimento dell’asfalto, ma evidentemente si tratta di interventi non risolutivi del problema dovuto allo smottamento cui è soggetta la zona. Reitero l’invito, da me inoltrato nei mesi scorsi, agli organi comunali competenti, non solo a riservare la giusta attenzione al fenomeno, ma a provvedere, nell’immediato, per contenerlo al fine di evitare che accada l’irreparabile. Sollecito il Comune ad istituire almeno il divieto di sosta nell’area attigua a piazza delle Grazie. Così almeno si eviterebbe che le auto parcheggiate vicino ai cassonetti possano appesantire ancora di più la strada, che sta lentamente scivolando verso il mare. È necessario effettuare delle opere di sbancamento nella strada che, visto che è a senso unico, può diventare ad una sola corsia, vietando il transito in quella carreggiata che più risente dello smottamento verso il mare. Una volta proprio sotto piazza delle Grazie c’era una stradella che si poteva percorrere anche a piedi per arrivare al mare, oggi non c’è più perchè è franata, segno che il mare sta inequivocabilmente avanzando, erodendo parte della costa e, a mio avviso, è a rischio anche la stessa strada in discesa che collega l’Isola e piazza delle Grazie al ponte nuovo”.

Poco più distante da piazza delle Grazie il fenomeno di smottamento è ben visibile anche in via Marina di Levante, dove la costa a suo tempo fu riempita con materiale di risulta che si sta lentamente sbriciolando anche per colpa dei marosi e dell’azione erosiva del mare.

“Quando piove, ad esempio, in via Marina di Levante l’acqua si raccoglie e scivola sotto il dirupo, scavando ulteriormente lo strato sottostante, che è sempre più a rischio smottamento - prosegue Scarpato - per questo bisogna pensare già da adesso ad intervenire con opere tampone che prevedono la creazione di barrire frangiflutti e la posa digrossi massi di contenimento della violenza del moto ondoso”.

La Commissione straordinaria che guida il Comune di Augusta ha già manifestato l’intenzione di segnalare il problema al dipartimento di Protezione civile di Siracusa.

Articolo pubblicato il 11 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐