Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Deputato condannato, vitalizio o pensione sospesi
di Redazione

Lo prevede una modifica al regolamento dell'Assemblea regionale siciliana

Tags: Deputati Regionali, Sicilia, Ars, Condanna, Deputati Condannati, Vitalizi



Se un deputato dell'Assemblea regionale siciliana è condannato in via definitiva per “delitti contro la pubblica amministrazione che comportino interdizione dai pubblici uffici ai sensi degli articolo 28 e 29 del codice penale” non percepirà l'assegno vitalizio o la pensione (abolito a partire da questa legislatura), che saranno sospesi, “fatti salvi gli effetti della riabilitazione”. Lo prevede una modifica al regolamento delle pensioni dei deputati che recepisce nel norme sui vitalizi contenute nel decreto Monti , approvato dall’Ars lo scorso gennaio.
 
Altra novità inserita nel regolamento riguarda la possibilità di integrare i contributi per il vitalizio nel caso di cessazione anticipata della legislatura. Qualora la cessazione del mandato parlamentare avvenga prima della scadenza, infatti, la domanda di completamento del quinquennio deve essere presentata entro tre mesi dallo scioglimento del Parlamento.
 

Articolo pubblicato il 24 aprile 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus