Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Crocetta sul Muos: "Mi hanno lasciato solo". Gli attivisti: "Servo"
di Redazione

Contestato il presidente della Regione, in visita a Cinisi per commemorare l'omicidio di Peppino Impastato

Tags: Muos, Niscemi, Tar, Palermo, Sentenza, Ricorsi, Comitato No Muos, Peppino Impastato



CINISI (PA) – “Sono l'unico politico italiano che ha cercato di bloccare il Muos, ma sono stato lasciato solo dalla politica italiana”. Lo ha detto il presidente della Regione, Rosario Crocetta, intervenendo a Cinisi per le iniziative in ricordo del 36esimo anniversario dell'omicidio di Peppino Impastato. Crocetta è stato contestato dagli attivisti No Muos presenti.
 
“Nella lotta alla mafia io ci metto la faccia e la vita, il resto sono chiacchiere insolenti e ingiuste”, ha risposto il governatore a un gruppo di manifestanti che gli ha urlato “servo”.
 
“Mi hanno fatto massacrare e attaccare - ha aggiunto Crocetta - alla fine ho perso, nelle battaglie politiche si vince o si perde, ma il Muos è un problema che possono risolvere solo il governo e il parlamento nazionale, per quanto mi riguarda ho la coscienza a posto”.
 
“Pur mantenendo la solidarietà con il movimento No Muos devo ringraziare il presidente Crocetta - ha detto Giovanni Impastato, intervenuto più volte per riportare la calma - da anni portiamo avanti una battaglia per evitare che il casolare dove fu massacrato mio fratello finisca in discarica e la presenza di Crocetta qui sancisce l'impegno per una battaglia contro la mafia che abbiamo vinto tutti, anche voi manifestanti”.
 

Articolo pubblicato il 09 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus