Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Ecco perché Renzi opacizzando la trasparenza agevola la criminalità
di Redazione

L’articolo 26 del Dl 66/14 elimina l’obbligo di pubblicazione di avvisi legali e bandi sui quotidiani, ma così si limita l'informazione sugli appalti. E i risparmi sono irrisori.

Tags: Renzi, Matteo Renzi, Dl 66/14, Avvisi Legali, Bandi, Quotidiani, Libertà Di Informazione



“Renzi, correggi l’errore, reintroducendo l’obbligo di pubblicazione degli avvisi legali cancellato, in sede di conversione. Solo così i cittadini saranno veramente, e non solo formalmente, informati e la criminalità organizzata combattuta con una vera trasparenza”. È l’appello del Quotidiano di Sicilia al premier, in merito all’articolo 26 del Dl 66/14, in attesa di conversione in legge entro il 24/06/2014 che, di fatto, elimina l’obbligo di pubblicazione di avvisi legali e bandi sui quotidiani, perché ritiene sufficiente la pubblicazione degli stessi sui siti degli Enti e sulla Gazzetta ufficiale.
 
È stato commesso un grave errore che va rimediato, e il QdS spiega perché: secondo Agcom, solo il 25,4% della popolazione italiana, nel 2013, ha utilizzato internet per informarsi dei fatti locali. Al Sud, la percentuale scende a poco più di un abitante su dieci, quindi nove cittadini su dieci non vanno nei siti internet. I quotidiani sono lo strumento principale al servizio di cittadini e imprese per informarsi sugli appalti, senza di essi non vi è trasparenza sufficiente con la conseguenza che la criminalità viene indirettamente agevolata.
 
Inoltre la cancellazione della pubblicazione di avvisi legali e bandi sui quotidiani non fa risparmiare i bilanci pubblici perché le spese sono a carico degli aggiudicatari e non dell’Erario, come quelle per la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Il risparmio per gli aggiudicatari è irrisorio, ma, senza la pubblicazione sui quotidiani di avvisi legali e bandi, cittadini e imprese non vengono sostanzialmente informati. Sono i quotidiani a portare a conoscenza dell’opinione pubblica le violazioni di legge e la potenziale corruzione.
 

Articolo pubblicato il 09 maggio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus