Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Un Pd "ridimensionato" nella corsa ai Comuni
di Redazione

Livorno e Civitavecchia a M5S, Padova alla Lega, centrodestra in varie città

Tags: Elezioni



ROMA - Dopo i ballottaggi delle amministrative, prevalgono numerosi candidati del Pd, ma non mancano anche le sconfitte in alcune roccaforti storiche. In casa democratici si sottolinea che ai Dem è andata la maggioranza dei Comuni sopra i 15mila abitanti e Debora Serracchiani commenta: ‘Ci sono delle situazioni in cui siamo molto amareggiati e dispiaciuti’, ma ‘abbiamo stravinto’. Il neosindaco Fi di Perugia Romizi festeggia la vittoria: ‘Ho vinto perché siamo riusciti a riparlare con le persone a cuore aperto’. E la deputata azzurra Ravetto attacca, ‘Senza Renzi il Pd non esiste’. Auguri dal blog di Grillo ai nuovi sindaci M5S: ‘un virus inarrestabile’.

I ballottaggi segnano “la fine delle posizioni di rendita elettorale, è finito il tempo in cui qualcuno sa che in quel posto si vince di sicuro”. E’ l’analisi che Matteo Renzi, oggi in Vietnam per una missione in oriente, fa con i suoi sull’esito della tornata amministrativa, dicendosi comunque soddisfatto per un “risultato straordinario”.

Dopo la volata di due settimane fa, il centrosinistra perde quattro storiche roccaforti di sinistra, Livorno, Padova, Perugia e Potenza, di cui le ultime due sono anche capoluoghi di regione. Ma strappa importanti città al centrodestra: Bergamo, Biella, Cremona, Verbania, Pescara, Vercelli e Pavia.

A Livorno, la città che ha tenuto a battesimo il Pci e che dal dopoguerra aveva affidato le proprie sorti sempre alla guida della sinistra, Filippo Nogarin, candidato per il Movimento 5 Stelle, con una campagna elettorale non urlata, è riuscito a strappare la poltrona di sindaco a Marco Ruggeri, Pd, che per la prima volta nella storia della sinistra livornese è stato costretto ad andare al ballottaggio, perdendolo.
 
La sconfitta a Livorno, per il Pd, è paragonabile a quando a Bologna, nel 1999, Giorgio Guazzaloca riuscì a strappare la città portando, per la prima volta dal dopoguerra, una coalizione di centro-destra alla guida del capoluogo emiliano. Il Movimento 5 Stelle ha vinto anche a Civitavecchia, nel Lazio. A Padova l’altra clamorosa sconfitta del Pd che ha governato la città dal 1993, con un break tra il ‘99 e il 2004: il candidato del centrosinistra Ivo Rossi, che ha guidato la città da quando l’ex sindaco Flavio Zanonato divenne ministro allo Sviluppo Economico, ha perso la sfida contro Massimo Bitonci (sostenuto da Ln e Fi).

La vittoria del Carroccio a Padova farà pandant con il governo della Regione, guidata da Luca Zaia. Il centrodestra ha riconquistato anche Teramo, che già governava, con Maurizio Brucchi. A Potenza ha vinto Dario De Luca, esponente di Fratelli d’Italia nella coalizione di centrodestra: clamorosa la sconfitta del centrosinistra, il cui candidato, Luigi Petrone, del Pd, aveva sfiorato la vittoria al primo turno. Il Pd è riuscito a confermarsi a Modena, dove Giancarlo Muzzarelli (Pd), che aveva sfiorato la vittoria al primo turno, ha battuto l’avversario M5s Marco Bortolotti, che ha potuto contare sul sostegno della Lega nord, di Fratelli d’Italia e del Nuovo Centro Destra del modenese Carlo Giovanardi. Conferma del Pd anche a Terni e Bari, dove il nuovo sindaco è Antonio Decaro.

Articolo pubblicato il 10 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐