Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Il mercato immobiliare in timida ripresa
di Oriana Sipala

L’Agenzia delle Entrate pubblica un rapporto su compravendita di case e proprietà. Sud col segno meno. Settore residenziale positivo, ma Palermo è in sofferenza: calo dell'1%

Tags: Economia, Crisi, Mercato Immobiliare



PALERMO - Le compravendite immobiliari sono costantemente monitorate dell’Osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle Entrate, che a cadenza trimestrale ci restituisce un quadro dettagliato della situazione. Nell’ultimo rapporto, pubblicato lo scorso 3 giugno, si rileva una ripresa del mercato degli immobili relativa al I trimestre 2014: un dato che, seppure molto lieve (+1,6% su tutto il territorio nazionale), risulta significativo, alla luce del fatto che negli ultimi anni (precisamente a partire dal IV trimestre 2011) si sono registrati soltanto numeri in picchiata.

Il segno “più” riguarda in particolare i settori residenziale e commerciale, mentre resta negativo, seppur leggermente, per gli altri comparti. Il rialzo delle compravendite degli immobili residenziali è più marcato nei capoluoghi (+8,8%) rispetto ai centri urbani minori, dove si parla di un +1,7%. Il picco si ha nelle regioni del Centro, dove si registra, rispetto al I trimestre del 2013, un’impennata del 17,3% nei Comuni capoluogo e del 4,7% nei Comuni non capoluogo, per una crescita media del 10,5%.
 
Al Nord, invece, la crescita è un po’ più contenuta: +8,7% nei Comuni capoluogo e +2,9% nei Comuni non capoluogo, per una crescita media del 4,7%. La macroarea del Sud è l’unica a registrare delle perdite, anche se lievi: -1,4% nei Comuni capoluogo, -1,7% nei Comuni non capoluogo, per una flessione media pari a -1,6%. Siamo però ancora ben lontani da una ripresa che sia comparabile a quella di un decennio fa. Rispetto al I trimestre del 2004, infatti, il mercato residenziale nei capoluoghi si è contratto di circa il 39%, con le perdite maggiori al Sud e al Nord. Nei Comuni minori, invece, rispetto al 2004 la perdita si aggira intorno al 50% (poco più accentuata al Centro e al Nord, poco inferiore al Sud, -45% circa).

Focalizzando l’attenzione sulle più importanti metropoli del Paese, sempre in relazione al settore residenziale, l’Osservatorio dell’Agenzia delle Entrate mostra come a conoscere un sensibile sblocco del mercato siano soprattutto le città di Roma (+21,4%), Bologna (+29,2%) e Genova (+25,3%). L’unica città che riporta il segno meno è Palermo, dove si registra un -1%. Un calo, comunque, nettamente più contenuto rispetto a quello che si era registrato nel IV trimestre del 2013 (-8,5% rispetto allo stesso periodo del 2012). Nel resto della provincia, però, la variazione è positiva sia nel caso della provincia di Palermo (+9,8% nel I trimestre 2014 rispetto al I trimestre 2013) sia nel caso di tutte le altre province italiane prese in considerazione dal rapporto.

Relativamente ai settori non residenziali, l’unico a registrare una ripresa, come già accennato, è quello commerciale. Per tale comparto, infatti, nel I trimestre 2014 si registra un aumento delle compravendite del 4,7% rispetto al I trimestre del 2013. In particolare, al Nord si parla di un +5,1% e al Centro di un +1%, mentre al Sud si rileva il maggiore aumento: +6,7%.

Articolo pubblicato il 11 giugno 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐