Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Lampedusa, strage del 3 ottobre 2013. Fermi e avvisi di garanzia
di Redazione

Tags: Immigrazione



PALERMO - Personale del Servizio centrale operativo e delle Squadre mobili di Palermo e Agrigento hanno eseguito nella mattinata di ieri nove decreti di fermo e cinque informazioni di garanzia nelle province di Agrigento, Catania, Milano, Roma e Torino nell’ambito dell’inchiesta sulla strage di Lampedusa del 3 ottobre del 2013, quando morirono 366 migranti.

I provvedimenti sono stati emessi dalla Dda di Palermo nei confronti di altrettanti soggetti ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere, nonché di favoreggiamento dell’immigrazione e della permanenza clandestina, aggravati dal carattere transnazionale del sodalizio malavitoso.

Le indagini, avviate dopo il tragico naufragio avvenuto il 3 ottobre 2013 al largo di Lampedusa e nel quale persero la vita almeno 366 migranti, hanno consentito di ricostruire le rotte e le tappe intermedie (caratterizzate spesso da stupri di massa e segregazioni) di quello e di numerosi altri terribili viaggi della speranza compiuti da centinaia di migranti, spinti e sfruttati durante le peregrinazioni, dai componenti di un pericoloso network malavitoso transnazionale, composto da soggetti eritrei, etiopi e sudanesi, i cui principali esponenti sono anch’essi destinatari del provvedimento restrittivo.
Anche attraverso mirate attività tecniche è stato possibile verificare come l’attività di reclutamento e trasporto in Italia di consistenti flussi di migranti trovasse un’importante appendice nel nostro Paese in attive ed efficienti “cellule” eritree, capaci di favorire la permanenza degli extracomunitari e prepararne l’approdo in altri stati del Nord Europa e del Nord America.

Articolo pubblicato il 02 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus