Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Vacanza "low cost", tendenza dellÂ’estate ma in Sicilia i prezzi degli alloggi sono alti
di Michele Giuliano

Peschici, Nettuno e Maratea sono le mete più a buon mercato secondo l’indagine del portale Casevacanza.it. Moltissime località italiane rinomate garantiscono locazioni basse, nell’Isola solo Marsala

Tags: Turismo, Casa Vacanza



PALERMO - Vacanze estive sì, ma low cost. Se questo sembra essere il trend emergente anche per il 2014, quali saranno le destinazioni che permetteranno di conciliare il divertimento con il risparmio? Il portale Casevacanza.it, primo portale in Italia per gli affitti turistici e partner di Immobiliare.it, ha analizzato i prezzi medi per una settimana, a luglio e ad agosto, nelle località turistiche di tutta Italia, scoprendo che le destinazioni più vantaggiose del nostro Paese si concentrano tra Puglia, Basilicata e Calabria.

Purtroppo della Sicilia c’è davvero pochissima traccia e questo non fa sicuramente presagire buoni propositi per il turismo della bella stagione. Il portale ha preso in considerazione quella che è la richiesta tipo per una casa vacanza: un immobile con quattro posti letto da affittare per una settimana. Ebbene, per quanto riguarda il mese di luglio, secondo questi parametri, la località con i prezzi medi più bassi è Vico del Gargano, in provincia di Foggia: qui si spendono all’incirca 270 euro a settimana.
 
Ci sono poi persino località rinomate come Peschici (300 euro in media a luglio, 520 ad agosto) e Vieste (350 euro a luglio, 500 ad agosto), ed a seguire a ruota c’è Nettuno: la località tirrenica offre un prezzo medio di 300 euro a settimana a luglio ed è la destinazione low cost in assoluto per il mese di agosto: solo 400 euro per una settimana.

Interessante anche la proposta di Maratea, in Basilicata. Prima località del Nord Italia in classifica è Bellaria-Igea Marina: qui a luglio serviranno mediamente 350 euro per una settimana, mentre ad agosto se ne spenderanno circa 500 per un alloggio con quattro posti letto.

C’è persino una bandiera blu tra le mete low cost e si tratta di Campomarino nel Molise. Anche la Calabria conta diverse attrattive a basso costo: a luglio le località turistiche con i prezzi più bassi sono Tropea, Bova Marina (entrambe con una media di 370 euro a settimana) e Praia a Mare (380 euro).

L’unica località siciliana che si posiziona tra le mete turistiche più a buon mercato è Marsala: la cittadina trapanese si conferma la più conveniente della regione, visto che anche nel 2013 era la regina del risparmio della Sicilia. Qui per affittare una casa ad agosto servono, in media 550 euro a settimana. “Gli ultimi dati di Confesercenti ribadiscono che anche quest’anno le ferie degli italiani saranno all’insegna del risparmio” ha dichiarato Francesco Lorenzani, responsabile di Casevacanza.it.
 


Eppure la Sicilia resta sempre una meta ambita
 
Toscana e Sicilia sono le star del turismo su Facebook: lo indicano i dati dello studio Giaccardi e Associati sulle pagine regionali più apprezzate dal popolo del social in blu. Nel mese di maggio, la pagina Tuscany ha raggiunto infatti i 256mila fan, mentre la pagina Visit Sicily ha raggiunto i 243 mila like. Merito sia di una strategia di social media marketing azzeccata sia della notorietà dei brand regionali anche a livello internazionale. Il problema sono i prezzi che restano alti da queste parti e in questo momento non è una buona pubblicità. Da considerare che nella seconda parte del 2013 le quotazioni delle abitazioni nelle località di mare in Italia hanno registrato una diminuzione del 4,9 per cento. Non in Sicilia, secondo quanto rileva Tecnocasa, che ha monitorato come nell’isola il calo sia stato di “appena” il 2,8 per cento. Si tratta del ribasso più contenuto nel panorama nazionale dietro soltanto alla Calabria (-2,4 per cento).

Articolo pubblicato il 13 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus