Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Siracusa - La città diventa intelligente grazie alle nuove tecnologie
di Redazione

Avviata collaborazione tra il capoluogo aretuseo e il Cnr

Tags: Siracusa



SIRACUSA - Un viaggio digitale, virtuale e tridimensionale nel patrimonio culturale, archeologico e monumentale della città antica. Questo lo scopo di “Cnr Smart cities living lab Siracusa”, progetto che mira a guidare il turista grazie ai “Qr-code” dislocati sul territorio, ad applicazioni gratuite e al portale “Welcome to Siracusa”. Senza dimenticare altri dimostratori realizzati dal Consiglio nazionale delle ricerche, che consentiranno il monitoraggio del “metabolismo urbano”.

Le innovazioni, operative da ieri, sono state presentate dal presidente del Cnr, Luigi Nicolais, e dal sindaco di Siracusa, Giancarlo Garozzo. Il capoluogo aretuseo, infatti, è stato selezionato attraverso un bando nazionale, promosso da Cnr e Anci (Associazione nazionale comuni italiani), per attrezzare città di alta rilevanza storica e monumentale con strumenti multimediali e con un insieme coordinato di servizi e soluzioni innovative, improntate al turismo e alla valorizzazione del patrimonio.
Il progetto, che si candida tra le buone pratiche internazionali sul tema delle città intelligenti, vede la partecipazione dei seguenti Istituti Cnr: l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam), l’Istituto di biometereologia (Ibimet), l’Istituto per le tecnologie della costruzione (Itc) e l’Istituto per la sintesi organica e la fotoreattività (Isof).

“Con il progetto Smart cities living lab Siracusa – ha affermato Nicolais - entriamo in una città del futuro e apprezziamo i benefici resi possibili da un uso sempre più ampio e sofisticato di conoscenze scientifiche e tecnologie innovative. La scelta di partire da una città d’arte ricca di storia e dalla forte vocazione turistica, come Siracusa, dimostra come sia possibile, in un rapporto collaborativo fra istituzioni, intervenire in maniera non invasiva sul patrimonio culturale favorendone accesso, fruizione, valorizzazione e salvaguardia”.

“Con l’inaugurazione di oggi - ha detto il sindaco Garozzo - tutti possiamo toccare con mano quali prospettive, in termini di efficienza e di sviluppo, si possono aprire attraverso l’uso delle tecnologie avanzate”.

Articolo pubblicato il 17 luglio 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus