Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia è su Twittergoogle qds rss qds
Quotidiano di Sicilia
Catania - Telecamere mobili anti-discariche, ma solo tre ispettori per la città
di Margherita Montalto

Cittadini incivili e fondi insufficienti per il Comune. Adesso si va verso una gara quinquennale. I progetti (da finanziare) dell’assessore Mignemi e le ombre del servizio-rifiuti

Tags: Dusty Srl, Domenico Mignemi, Catania, Rifiuti



CATANIA – Recentemente l’assessore all’Ecologia, Domenico Mignemi, si è rivolto al cittadino che “non è informato sulla disponibilità dei servizi gratuiti che il Comune mette a disposizione. Il mio proposito – sostiene Mignemi - è quello di mettere in opera nuove strategie, un programma di pedagogia ambientale in modo da radicare i valori ecologici del rispetto per la Città per la salvaguardia del bene comune e dei diritti del singolo”.

“La responsabilità - continua - va condivisa a tutti i livelli: dal singolo individuo, alle amministrazioni  locale e regionale. Richiamare il cittadino al senso civico con l’esempio, con attività di controllo, azioni di intervento punitivo e repressivo è un deterrente. Stiamo aumentando i sequestri delle discariche. Chi scarica abusivamente rischia il sequestro del mezzo e la multa. Pubblicizzare un eventuale arresto o sequestro è un deterrente. Infine per arginare il fenomeno dell’abbandono incontrollato dei rifiuti sono stati presentati alcuni interventi progettuali da finanziare con i fondi POR 07-13 per l’acquisto e l’installazione di telecamere mobili da piazzare in prossimità delle zone oggetto di deposito di detriti, inerti, materiali vari, elettrodomestici, mobili e altro”.

Chi danneggia l’ambiente arreca danni alla qualità della vita e alla salute. I problemi ecologici impongono un cambiamento che, coinvolgendo il sistema economico-politico, deve essere portato a termine. Realizzare un’etica pubblica grazie alla presa di coscienza ambientale dei cittadini serve a conservare un equilibrio generale. Così le Istituzioni scendono in campo.

“Risorse umane ed economiche - prosegue Mignemi -  sono messe a disposizione della comunità. Ci rimbocchiamo le maniche, lavorando anche la domenica, aiutando e collaborando con i nostri operatori ecologici ai quali va dato il merito di operare laddove i concittadini sono pronti a puntare il dito sostenendo che se Catania è sporca la colpa è del Comune”.
Una squadra composta da tre ispettori controlla le aree della città comunicando e identificando le varie anomalie. Efficienza ed efficacia sono le parole d’ordine che si diffondono in sssessorato. Motivazione, azione e collaborazione mettono in movimento la ricerca di strategie per rendere pulita la città.

Dati alla mano. Il numero dei camion compattatori a disposizione del settore N.U. è di 30; il settore N.U. ha in totale un organico di 368 unità (operatori ecologici, autisti, sorveglianti ispettori di zona, coordinatori di direzione, amministrativi e personale tecnico); Catania è suddivisa in due parti: il 50% della pulizia è fornita da dipendenti comunali e dagli operatori del Consorzio Sol.Co che dispone di 180 unità e provvedono allo spezzamento nella zona centro di Catania; l’altro 50% è data in appalto alla società Dusty Srl che provvede alla raccolta dei rifiuti e allo smaltimento che và alla discarica.

“Stiamo cercando di adattare le zone in base alle risorse disponibili - conclude Mignemi -  in modo che, limitando la zona da trattare e aumentando il personale, si rende al meglio lo spazzamento e la raccolta”. “Ho proposto la gara quinquennale dalla quale si può ottenere di più: attrezzature di recente costruzione e nuovi camion compattatori. Ci sono aspetti legati al fenomeno finanziario e quelli legati alla cultura ambientale. I Comuni purtroppo devono barcamenarsi, tutto dipende dai costi”.

Articolo pubblicato il 07 ottobre 2009 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus
La spazzatrice durante la pulizia (mm)
La spazzatrice durante la pulizia (mm)
Un operatore al lavoro (mm)
Un operatore al lavoro (mm)