Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Ragusa - Aeroporto sì, ma senza strade
di Stefania Zaccaria

Lo scalo di Comiso non è ben connesso con le città del Sud Est siciliano: una gravissima carenza. Si attende l'appalto della Ss 514, bloccato per un parere del Genio Civile

Tags: Ragusa, Aeroporto



RAGUSA - Si parla da anni di investimenti sul turismo e l'aeroporto di Comiso, seppur con scandalosi ritardi, può sicuramente rappresentare un valido esempio in tal senso per la provincia di Ragusa. Anche se l'operatività dello scalo procede nel migliore dei modi, visto che si stanno registrando significativi incrementi di voli e passeggeri, è il contesto in cui opera l'infrastruttura a preoccupare. I collegamenti viari rimangono infatti il problema più evidente se si arriva nell'aeroporto ipparino: le arterie che lo collegano con le principali città del sud est siciliano sono del tutto inadeguate ed è soprattutto la strada statale 514 che andrebbe rivalutata e ampliata.
 
L'appalto della bretella è rimasta però un'utopia: la strada di collegamento tra lo scalo e la Ragusa-Catania non è stata realizzata e tutto tace a riguardo. L'Ance di Ragusa ha affermato che è la provincia di Ragusa ad essere responsabile di quest'assordante silenzio.

"Avevamo avuto conferma - ha detto il presidente Sebastiano Caggia - che la gara si sarebbe celebrata entro il mese di giugno, abbiamo atteso luglio, agosto è archiviato, siamo a settembre e dall’Ente di Viale del Fante regna un assordante silenzio. Per la bretella di collegamento che collegherà l’aeroporto di Comiso con la Provinciale 7 (la Comiso-Chiaramonte) sono immediatamente disponibili ben 17 milioni di Euro grazie ai fondi ex Insicem mentre oltre un milione e mezzo sono stati utilizzati per la realizzazione del progetto esecutivo che ha ottenuto, da tempo, tutti i visti e le autorizzazioni: cosa si aspetta?

L'ex Provincia, però, dal canto suo, non sembra avere responsabilità in merito e il commissario straordinario Carmela Floreno ha spiegato che "il ritardo registrato per la mancata indizione della gara d’appalto, entro il mese di giugno non è ascrivibile agli uffici della Provincia regionale di Ragusa che sono consapevoli dell’importanza dell’opera e non lesinano impegno ed energia per definire il lungo iter burocratico ma ad ulteriori prescrizioni al progetto richieste dall’assessorato regionale al Territorio ed Ambiente e dal Genio civile, nonché ad un ricorso giurisdizionale presentato al Tar da parte di una ditta soggetta ad esproprio del terreno. Siamo,pertanto - ha concluso il commissario Floreno - in attesa di avere il parere del Genio civile di Ragusa su una nuova proposta progettuale riguardante l’attraversamento idraulico dell’aeroporto di Comiso nonché di adempiere ad un’ulteriore prescrizione che l’assessorato regionale al Territorio e Ambiente ha richiesto solo alla fine del mese di agosto?

Articolo pubblicato il 13 settembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus