Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Sequestro da 1,2 milioni di euro ai danni del boss Lo Piccolo
di Redazione

Interessata una rivendita di tabacchi in zona Sferracavallo

Tags: Palermo, Mafia, Beni Confiscati, Salvatore Lo Piccolo



PALERMO - La Guardia di Finanza del capoluogo ha sequestrato una rivendita di tabacchi, un magazzino commerciale, due appartamenti e disponibilità finanziarie, per un valore di oltre 1.200.000 euro, in esecuzione di un provvedimento emesso dal Tribunale di Palermo, Sezione Misure di prevenzione, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Interessato dal sequestro è il 72enne Salvatore Lo Piccolo, già arrestato nel 2008 con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso, in quanto ritenuto indiscusso capo mafia di San Lorenzo–Tommaso Natale. Già nel dicembre di quell’anno, questi era stato oggetto di un sequestro, disposto dal Tribunale di Palermo, riguardante, tra l’altro, una tabaccheria, situata nel quartiere Tommaso Natale, formalmente intestata a una parente, considerata prestanome, in quanto priva di redditi al momento dell’acquisto dell’esercizio commerciale.

L’attuale provvedimento trae origine dallo sviluppo di ulteriori attività di indagine svolte dal Gico della Guardia di Finanza di Palermo, che hanno permesso di individuare un’altra rivendita di tabacchi, in zona Sferracavallo, formalmente intestata a una donna, ma di fatto riconducibile al soggetto e ai suoi familiari.

Nello specifico, i riscontri effettuati dalle Fiamme gialle hanno permesso di evidenziare come la titolare della rivendita, nel quinquennio antecedente l’acquisto, non avesse prodotto o dichiarato redditi idonei a poter costituire le disponibilità finanziarie utilizzate per l’investimento in parola. Inoltre, nello stesso periodo, la donna non aveva né acceso mutui né ricevuto altre forme di finanziamento idonee a giustificare l’investimento eseguito.

Gli accertamenti bancari svolti hanno così consentito di rilevare che la provvista di denaro utilizzata per l’acquisto era stata originata da un versamento in contanti di dubbia provenienza. Tale circostanza, unitamente alle risultanze investigative, che  evidenziavano  l’esistenza di un’assidua frequentazione fra la donna e i congiunti di Lo Piccolo hanno consentito di emettere il provvedimento di sequestro da parte della Sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo.

Articolo pubblicato il 18 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐