Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Case abbandonate a Petralia Soprana? Regalatele al Comune
di Redazione

Il sindaco Macaluso: “Vogliamo sviluppare il turismo sfruttando il vantaggio di essere fra i borghi più belli d’Italia”. L’iniziativa dell’amministrazione di Petralia Soprana punta a rivitalizzare il centro storico cittadino

Tags: Francesco Gennaro, Pietro Macaluso, Petralia Soprana



PETRALIA SOPRANA (PA) - Ricostruire e rendere più splendente il centro storico. Con questa idea l’amministrazione comunale ha invitato tutti coloro che possiedono immobili vetusti nel territorio di Petralia Soprana, e in particolare nel centro storico, a cederli gratuitamente al Comune per il successivo recupero e utilizzo da parte di agenzie, società e privati disponibili a investire nel paese.

Attraverso questa iniziativa si vuole recuperare il patrimonio edilizio e migliorare il decoro urbano di un paese che fa parte dei borghi più belli d’Italia. Nell’ottica, quindi, della valorizzazione delle bellezze architettoniche del centro storico, ma anche per stimolare i proprietari di ruderi a risanare i loro fabbricati, eliminando anche i pericoli che quest’ultimi creano, è nata questa proposta che va vista anche in prospettiva di una possibile nascita dell’albergo diffuso, un modello di ospitalità originale è un modello di sviluppo turistico del territorio che ben si addice a Petralia Soprana.

L’albergo diffuso è concepito per offrire agli ospiti l’esperienza di vita di un centro storico alloggiando in case e camere che distano non oltre 200 metri dallo stabile nel quale sono situati la reception, gli ambienti comuni e l’area ristoro. Un modello di sviluppo che non prevede la costruzione di alberghi quanto invece il recupero e la ristrutturazione di immobili già esistenti da mettere in rete tra loro. Un’idea di accoglienza che l’amministrazione comunale guidata da Pietro Macaluso vuole attuare acquisendo proprio la disponibilità alla cessione gratuita da parte dei cittadini che hanno immobili diruti e stimolando i proprietari a ristrutturare le proprie case pensando anche a un possibile sfruttamento in tal senso.

“Vogliamo far risplendere il centro storico di Petralia Soprana – ha affermato il vice sindaco Francesco Gennaro – eliminando il degrado strutturale che si è creato negli ultimi anni. Allo stesso tempo speriamo di smuovere il mercato immobiliare e le ristrutturazioni che creerebbero lavoro per gli edili”.

“A tal proposito – ha aggiunto - stiamo pensando alla possibilità di stipulare delle specifiche convenzioni con istituti creditizi al fine di incentivare e agevolare coloro i quali sceglieranno di ristrutturare gli immobili. Speriamo che i cittadini colgano questa occasione responsabilmente”.

Della questione si occuperà l’Ufficio Tecnico, cui è possibile comunicare la disponibilità alla cessione del proprio immobile. I responsabili comunali hanno già fatto un censimento dei ruderi presenti nel territorio e delle case messe in vendita, creando una banca dati che potrà essere consultata da tutti.

“Anche questa iniziativa – ha detto il sindaco Pietro Macaluso - va nella direzione di un possibile sviluppo turistico di Petralia Soprana, che oggi ha un’opportunità irripetibile rappresentata dall’essere tra i borghi più belli d’Italia”.

Articolo pubblicato il 19 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus