Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Stabilità 2015, tagli per l’efficienza
di Carlo Alberto Tregua

Crocetta faccia come Renzi

Tags: Rosario Crocetta, Legge Di Stabilità, Matteo Renzi



La Legge di Stabilità 2015 è già approdata a Bruxelles che ha inviato una lettera di osservazione, per la verità non pesante, da parte della Commissione uscente presieduta da José Manuel Durão Barroso, che resta in carica fino a venerdì 31 ottobre. Dall’indomani entrerà in vigore la nuova Commissione presieduta dal belga Jean-Claude Juncker, nelle cui fila vi è anche il ministro degli Esteri italiano, Federica Mogherini, che assumerà il ruolo di vicepresidente e ministro degli esteri dell’Unione europea.
Delle osservazioni così formulate alla legge di Stabilità targata Renzi-Padoan, dovrà occuparsi la nuova Commissione con la quale Renzi ha stretto buoni rapporti. In ogni caso, presentando il disavanzo annuale al 2,9%, cioè inferiore al parametro di Maastricht  del 3%, e le riforme in materia di lavoro e il taglio di 18 miliardi di tasse, la Commissione non dovrebbe avere nulla da obiettare.
I problemi, invece, sono all’interno, ove la Cgil, per partito preso, ha iniziato un’opposizione dura che potrebbe sfociare nello sciopero generale. Il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, protesta per i tagli, mentre ha assunto una posizione prudente il presidente dell’Anci, Piero Fassino.

Tutti quelli che protestano non hanno capito che è giunto il momento di fare un passo indietro rispetto a una situazione al di sopra delle nostre possibilità, divenute insostenibili.
La Cgil reclama che gli statali non ricevono aumenti da quattro anni. Che dovrebbero dire i milioni di disoccupati che non ricevono neanche lo stipendio, oppure i cassaintegrati  che da anni stanno sopravvivendo con 800 euro al mese? è questa iniquità che mette all’angolo il sindacato della Camusso e fa capire all’opinione pubblica come esso tutela i dipendenti garantiti e contrasta la nuova disoccupazione.
Naturalmente i sinistri del Pd e quelli di Sel sono d’accordo, perché a loro importa che l’Italia vada definitivamente in malora piuttosto che riprendere la via dello sviluppo e dell’occupazione.
In questo quadro, la legge sul Jobs Acts, approvata in Senato e in attesa della definitiva approvazione alla Camera, costituisce un valido strumento per attivare nuova occupazione.
Però non dobbiamo nasconderci dietro a un dito. La nuova occupazione ci sarà solo se aumenteranno i consumi, se si apriranno i cantieri grandi, piccoli e medi per opere pubbliche, sistemazione idrogeologica del territorio, messa in sicurezza antisismica degli immobili mediante bioedilizia. Ci sarà occupazione se si attiveranno la green economy (energia e agricoltura) e il turismo, che utilizzi la messa a reddito dei beni culturali, destagionalizzando l’anno e attirando stranieri e italiani da tutto il mondo.
Il taglio dell’Irap del 10% è stato abolito perché il costo del lavoro sarà detratto dai ricavi; detrazione definitiva di 80 euro in busta paga per chi guadagna sino a 1.500 euro al mese, cancellazione quasi completa dell’articolo 18, sono elementi che possono favorire l’occupazione. Ma è la ripresa della ruota economica che darà un impulso alle imprese di assumere se acquisiscono ordini e aumenta il loro fatturato.

In Sicilia, la situazione è molto più difficile perché la spesa pubblica è elevata rispetto alla media nazionale. Qui ci sono oltre 300 mila dipendenti pubblici e solo 600 mila dipendenti privati. E poi vi sono più di 373 mila piccoli imprenditori che possono crescere solo se si rimette in moto il meccanismo virtuoso di opere pubbliche e attività private.
Il comandante in capo, alias il presidente della Regione, non ha più alibi e neanche tempo. O si scorda di tutti quei cittadini che sono stati presi in giro dal ceto politico, ma a cui ora non si possono più pagare inutili stipendi, o ruota la propria testa verso i disoccupati e altri che hanno bisogno di lavorare; o mette in moto la pubblica amministrazione in modo efficiente per far spendere tutti i fondi Ue disponibili, nonché attrarre nuovi investimenti nazionali ed esteri; o fa tutto questo o la Sicilia è perduta, mentre i siciliani saranno costretti a cacciarlo.
Noi stessi ci annoiamo a ripetere queste analisi e a proporre queste soluzioni. Ma continueremo a farlo fino a quando si metteranno in funzione, perché non possiamo assistere alla perdita dei siciliani e dei nostri figli e nipoti.

Articolo pubblicato il 24 ottobre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus