Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Palermo - Parco Cassarà: il via alle bonifiche posticipato al prossimo gennaio
di Gaspare Ingargiola

Una volta ripulita la zona verde si potrà pensare a riaprire parzialmente la struttura al pubblico. Lo rivela Francesco Fiorino, dirigente dell’Ufficio Ambiente e custode giudiziario dell’area

Tags: Francesco Fiorino, Palermo, Parco Cassarà



PALERMO – L’avvocato Francesco Fiorino è dirigente dell’Ufficio Ambiente del Comune di Palermo. A settembre è stato nominato custode giudiziario del parco Ninni Cassarà, che ad aprile è stato sequestrato perché all’insaputa di tutti “ospitava” una discarica abusiva sotterranea di materiali tossici. Anche se la Procura ha dato il via libera ai primi interventi di bonifica, il Comune non è riuscito a rispettare una prima scadenza del 30 settembre. “Non era possibile farlo. Persistevano e persistono tuttora diverse problematiche, si tratta di un intervento complesso e neanche i tempi sono facilmente prevedibili” ha spiegato Fiorino.

Quali sono queste problematiche?
“Intanto aspettavamo i fondi dal bilancio di previsione. Il parco è diviso in tre zone, la zona rossa nel cui sottosuolo sono state ritrovate le sostanze più pericolose per la salute dell’uomo (sabbie vulcaniche conseguenza di operazioni di sverniciatura, copertoni, materiali elettrici, plastica, inerti da demolizione edile, nda), la zona verde a cui abbiamo accesso perché considerata meno a rischio (si fa per dire, dato che le analisi hanno rilevato metalli pesanti, zinco, rame, piombo, fibre di amianto e tetracloro etilene, nda) e la zona gialla che funge da cuscinetto. In questa prima fase gli interventi si concentreranno sulla zona verde e saranno di due tipi: la rimozione del cemento amianto e degli altri rifiuti speciali. L’approvazione del bilancio di previsione e il conseguente via libera dei piani di gestione da parte della giunta (atti che rendono effettive le azioni del bilancio, nda) ci consentiranno di avviare la bonifica del cemento amianto con uno stanziamento di 150 mila euro”.

Come procederete?
“Piuttosto che ricorrere a un bando di gara che allungherebbe i tempi, avvieremo una procedura d’urgenza per l’affidamento diretto. Non dico a dicembre ma già a gennaio dovremmo essere in grado di partire”.

E gli altri rifiuti della zona verde?
“La situazione in questo caso è diversa. Serve un piano di trattazione studiato con l’Arpa e con il Dipartimento regionale per le Acque e i rifiuti. Ci vorranno mesi, diciamo buona parte del 2015. Quanto ai costi, si aggirano intorno ai 500 mila euro”.

Interverrete anche sulla zona gialla?
“Certamente. Le sostanze sono le stesse, è stata classificata con un colore diverso solo per motivi di prudenza. Insieme, gialla e verde costituiscono una 55-60% dell’estensione totale del parco, circa 15 ettari su 28. Appena avremo rimosso il cemento amianto non escludo, ma il condizionale è d’obbligo, che la Procura possa accordare la parziale riapertura al pubblico”.

Si tratta del lato adiacente a corso Pisani, dato che il lato adiacente a via Ernesto Basile è la zona rossa.
“Quella è sempre rimasta interdetta sia ai giardinieri che alla vigilanza, tanto che è diventata terreno di caccia per i ladri. Alcune attrezzature dei magazzini le abbiamo messe in salvo, ma tante sono state rubate insieme ai tubi di rame. Purtroppo lì non possiamo mettere piede, quindi è impossibile indicare i tempi di recupero. Bisogna considerare che, da quello che hanno scoperto i periti, l’intera area del parco ha funto da discarica abusiva per decenni, soprattutto per le ditte che andavano a depositare gli scarti dell’edilizia”.

Passiamo alla vegetazione. Siete riusciti a salvarla?
“Assolutamente sì, anche se non era facile. Basti pensare che giardinieri e potatori potevamo entrare solo per un numero limitato di ore. Ma le maestranze del Coime e i dipendenti del Cassarà sono riusciti comunque a garantire la potatura, l’innaffiatura e la rasatura dei prati”.

Anche nella zona rossa?
“No, lì purtroppo no. Il divieto di accesso è molto rigido, non abbiamo potuto neanche innaffiare le piante. È facile prevedere che in quella parte del parco ci siano dei danni, ma senza un’attenta analisi non è possibile quantificarli”.
Le indagini preliminari sono affidate al procuratore aggiunto Dino Petralia e al sostituto Alessandro Clemente, che, oltre ad accertare le responsabilità, da mesi portano avanti le trivellazioni sotterranee per verificare se l’inquinamento abbia intaccato le falde acquifere.

Articolo pubblicato il 29 novembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus