Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Palermo - Un centro storico trasformato per la nuova viabilità cittadina
di Gaspare Ingargiola

Provvedimenti importanti da parte del Comune, anche alla luce degli ultimi dati sull’inquinamento. Pedonalizzazioni, telecamere nelle Ztl e arredi per rendere le strade più vivibili

Tags: Palermo, Pedonalizzazione, Isola Pedonale, Ztl, Inquinamento, Viabilità



PALERMO – Prosegue il programma di pedonalizzazioni e alleggerimento del traffico cittadino secondo la road map tracciata dall’amministrazione prima dell’estate. Una serie di provvedimenti che diventano ancora più impellenti alla luce degli ultimi, preoccupanti dati sull’inquinamento e sulla qualità della vita in città. Alcune novità saranno in vigore già da questo mese, altre nel 2015. La fisionomia del centro storico ne uscirà trasformata.

PEDONALIZZAZIONI – All’inizio toccherà a piazza Marina, nella speranza di porre fine alla tirannia dei posteggiatori abusivi e degli autobus privati che sostano dove non dovrebbero, a fronte di un’area autorizzata antistante Villa Giulia. Saranno pedonalizzate via Merlo, il lato di Palazzo Galletti (sede istituzionale del Comune), via Principe di Resuttano e via Francesco Riso, con doppio senso di marcia nel tratto fra Villa Garibaldi e via IV Aprile. E su piazza Magione, dopo i numerosi blitz del Cit (il Controllo integrato del territorio coordinato dalla Questura), che hanno fatto piazza pulita degli ambulanti abusivi, il sindaco Leoluca Orlando si toglie qualche sassolino dalle scarpe: “Adesso – ha detto - tutti ci ringraziano ma prima la ‘Palermo bene’ ci criticava perché esigevamo legalità in quella e in altre zone. Guarda caso, però, nessuno di quelli che facevano commercio a piazza Magione è andato al Suap a chiedere un’autorizzazione alla vendita”.
Quanto a corso Vittorio Emanuele, il sindaco ha aggiunto: “Adesso sono gli stessi commercianti a chiedermi di pedonalizzarlo (un po’ come successo per il Mercato delle Pulci, nda), qualche tempo fa, invece, appena l’abbiamo proposto c’è stata una sollevazione popolare. È stata un’occasione mancata”.
Novità in vista anche per piazza Rivoluzione (il senso di marcia di via Divisi dall’isola a via Roma sarà invertito, chi deve raggiungere la piazza può farlo da via Cagliari verso via Vincenzo Cantavespri); e per via Maqueda: entro la fine dell’anno il Comune lancerà un sondaggio per dare alla cittadinanza la possibilità di scegliere se mantenere la Ztl così com’è (tutti i giorni dalle 10 alle 20), prolungarla fino a mezzanotte (sempre tutti i giorni) o renderla una vera e propria isola pedonale con chiusura al traffico 24h.
Una “bella sorpresa” per migliorare la qualità delle isole pedonali (così l’ha definita l’assessore alla Mobilità Giusto Catania) è arrivata dal Consiglio comunale durante la discussione del bilancio di previsione, in cui sono stati inseriti 210 mila euro per la videosorveglianza, onde evitare l’illegittimo attraversamento delle aree da parte di mezzi non autorizzati. “I fondi non sono molti – ha ammesso Catania – ma bastano per sei o sette isole pedonali. Acquisteremo telecamere speciali omologate dal ministero dei Trasporti che comminano la contravvenzione in automatico, così da poter impiegare i vigili altrove”.

ALTRI FONDI - Grazie al previsionale 2014, via libera per i nuovi arredi urbani e la Ztl. Quanto ai primi, sono stati stanziati 150 mila euro per le panchine, 30 mila euro per le rastrelliere e altre somme per panchine di marco conformi alle norme sui luoghi storici da installare in piazza Rivoluzione e per fioriere inchiodate al manto stradale per le piazze San Domenico, Bologni e Marina.
Per quanto riguarda le Ztl, in arrivo 150 mila euro per i nuovi varchi, che vedranno la luce entro i primi mesi dell’anno. “Ma non imporremo decisioni dall’alto, anche se le linee-guida le detta l’amministrazione vogliamo coinvolgere i cittadini su alcuni aspetti che riguardano tutti, come la circolazione delle auto inquinanti e l’accesso dei residenti”, ha sottolineato Catania.

PARCHEGGI - Scaduta a settembre (e non rinnovata) la convenzione con l’Apcoa per i prezzi calmierati al parcheggio del Tribunale, si tenta adesso con la Metropark, che gestisce un’area da un centinaio di posti a piazzetta Cairoli, alla Stazione centrale, molto comoda per raggiungere il centro. Inoltre, si cercano privati disposti a gestire gratuitamente, il sabato e la domenica, il parcheggio da 130 posti dell’Ufficio Anagrafe, in piazza Giulio Cesare. La Confesercenti si è già offerta.
 


Favorire l’utilizzo dei mezzi pubblici
PALERMO – L’altra bella notizia per il centro storico è l’avvio di un nuovo servizio Amat: due linee, la gialla e la verde, che faranno la spola fra le isole pedonali al costo di 52 centesimi al giorno dalle 7 del mattino alle 3 di notte. Le due navette sono entrate in funzione lunedì e sono pensate per facilitare lo spostamento in centro e fra le isole pedonali senza l’ausilio dell’automobile.
Il percorso della linea gialla è: piazza Giulio Cesare (capolinea), via Balsamo, corso dei Mille, via Lincoln, Foro Umberto I, salita Mura delle Cattive, via Alloro, via Aragona, via Garibaldi, via Gorizia, via Roma, via Vittorio Emanuele, via Maqueda, piazza Giulio Cesare. La navetta avrà una frequenza di 22 minuti dalle 7 alle 15; di 15 minuti dalle 15 alle 19,30; di 35 minuti dalle 19,30 alle 2,55
Quello della verde è: piazza S. Spirito, via Vittorio Emanuele, via Bonello, corso Amedeo, piazza Indipendenza, via Vittorio Emanuele, piazza S. Spirito. Dalle ore 21 la navetta arriverà al parcheggio Basile. Il mezzo avrà una frequenza di 22 minuti dalle 7 alle 15; di 15 minuti dalle 15 alle 19,30; di 35 minuti dalle 19,30 alle 2,40.
I biglietti si possono acquistare presso i nodi Amat cittadini (Basile, Stazione centrale, Indipendenza, Camporeale, Politeama, Sturzo, Giotto, De Gasperi, Sturzo, Via Manin 3) e nelle rivendite convenzionate lungo il percorso delle due linee. Ma l’Amat sta cercando di convincere i locali del centro a vendere i biglietti.
“Questo servizio – hanno dichiarato il sindaco Orlando e l'assessore Catania - faciliterà la fruizione delle aree pedonali valorizzandone le bellezze e i mestieri, riportando in primo piano il tema della riappropriazione degli spazi dall'invasione delle automobili, proseguendo il cammino verso una dimensione più umana delle aree urbane e ridando al centro storico la sua vocazione di luogo di vita, di incontro e di scambio”.

Articolo pubblicato il 05 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus