Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Bollette di luce e gas salatissime, gli italiani spendono 1.635 euro l’anno
di Danilo De Luca

Le spese complessive per le bollette di luce e gas nel 2013 superano i 42 miliardi di euro. In Sicilia le spese pù basse: paghiamo circa 400 euro in meno

Tags: Luce, Gas, Fatture, Rincari



Risparmiare sulle bollette di luce e gas non è solo una risorsa o una possibilità, ma una vera e propria necessità per moltissime famiglie. Nel 2013 abbiamo speso, mediamente, 1.635 euro in costi dell’energia, ovvero più di una mensilità media. Concorrono fattori come il caro-vita e l’aumento dei prezzi, certo, ma anche noi consumatori ci mettiamo del nostro, spesso perpetrando abitudini di consumo errate o trascurando possibilità importanti, come ad esempio quella di porre le tariffe Enel a confronto con quelle di Eni, Edison ecc. e individuare il fornitore più adatto a noi.
 
L’anno scorso le famiglie italiane hanno versato, per il pagamento delle bollette di luce e gas, circa 42 miliardi di euro. A rivelarlo è il rapporto dell’Istat I consumi energetici delle famiglie, che prende in considerazione le spese affrontate dalle famiglie di casa nostra lo scorso anno. Tra le statistiche più interessanti, la differenza significativa tra le spese medie per le famiglie del Nord e quelle del Mezzogiorno, che penalizza le prime, costrette a pagare circa il 30% in più. I consumi per famiglia raggiungono i 1.872 euro al Nord-est e i 1.790 euro al Nord-ovest, contro i 1.387 euro del Mezzogiorno e i 1.500 del Centro.
I consumi sono, ovviamente, strettamente correlati al numero di componenti del nucleo famigliare e oscillano tra i 1.358 euro di un nucleo monocomponente e i 2.102 euro per famiglie con 5 membri o più. La differenza di costi affrontati non è direttamente proporzionale al numero di componenti, tanto che l’aggravio per le famiglie con 5 componenti o più è solo del 55% rispetto al costo affrontato da un nucleo famigliare composto da una sola persona.
 
La Sicilia è la regione che paga le bollette meno salate. In media, nel 2013 abbiamo versato in tasse sui consumi domestici 1.260 euro, unica regione a scendere sotto la soglia dei 1.300 euro annui. In Sicilia abbiamo pagato 375 euro in meno della media nazionale e registrato un risparmio di ben 740 euro rispetto ai cittadini della Valle d’Aosta, la regione che ha speso in bollette la cifra più alta. Al secondo posto per risparmio troviamo la Campania (1.350 euro), poi Lazio e Puglia (1.400 euro) e Calabria (1.450 euro). I resident in Emilia Romagna, Veneto, Lombardia e Piemonte i più vessati dopo i valdostani, con spese tra 1.900 e 1.800 euro per famiglia.

Articolo pubblicato il 20 dicembre 2014 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus