Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

In arrivo 2 mln di euro per 38 cooperative
di Emiliano Zappalà

Fondi stanziati dall’Istituto regionale per il credito alla cooperazione approvati nella seduta di fine 2014. Sedici i crediti a medio termine deliberati, dodici dei quali destinati alla ricapitalizzazione societaria

Tags: Ircac, Impresa, Cooperativa, Economia



CATANIA - Due milioni di euro di finanziamenti agevolati a 38 cooperative siciliane. Sono questi i fondi stanziati dell’Ircac, Istituto regionale per il credito alla cooperazione. Ottimi numeri, che danno respiro all’economia siciliana. I finanziamenti diretti e indiretti sono stati approvati nella seduta di fine anno dal commissario straordinario Antonio Carullo, anche in virtù degli ottimi risultati conseguiti nel 2014.

Sono stati sedici i crediti a medio termine deliberati, dodici dei quali destinati alla ricapitalizzazione societaria. Ad usufruirne sono numerose imprese, società e aziende sicule. L’elenco è davvero lungo ma ci da un’idea dell’attività dell’Istituto. Si va dall’azienda Ciclat di San Cataldo, che opera nel settore dei servizi alle imprese pubbliche e private; a Cosmo, sempre di San Cataldo (Cl) che svolge lavori edili; l’azienda Ca.ri.ni. di Mussomeli (Cl) che si occupa di lavori stradali ed edili; L’istituto My school di Palermo che gestisce una scuola per l’infanzia.
 
Ma ci si spinge anche ad altri settori con i fondi a “Occupazione e lavoro Sicilia” che opera a Sciacca (Ag) e che gestisce una comunità alloggio per minori svantaggiati e disabili psichici; Raggio di Sole di Sciacca (Ag) che gestisce una scuola paritaria per l’infanzia; Intoorre vending di San Cataldo che commercializza distributori per alimenti animali; No colors di Palermo che accoglie stranieri sbarcati in Sicilia; Falcos di Carini (Pa) che si occupa di manutenzione di impianti fissi e mobili per rifiuti; Salefino di Agrigento che si occupa di allestimenti scenografici e interior design; Femir di San Cataldo (Cl) che ha una attività di costruzioni edilizi; L&R engineering di Palermo che fornisce servizi di contabilità  e direzione di lavori per lavori pubblici e privati.

Quattro i crediti a medio termine per investimento, andati alle cooperative La Scala dei Turchi di Realmonte (Ag); Tummiolo car service di Sciacca (Ag) che ha una officine meccanica; Progetto futuro di Realmonte (Ag) che gestisce una comunità alloggi per anziani e disabili; Magi di Finale di Pollina (Pa) che intende realizzare una residenza sanitaria assistita per anziani disabili.
Sempre nella stessa seduta sono stati concessi crediti di esercizio ad otto cooperative: l’Agrinova Bio 2000 di Acireale (Ct) che raccoglie, trasforma e commercializza i prodtti agricoli dei soci conferitori; Caccamo servizi di Termini Imerese (Pa) che svolge attività di assistenza un favore di anziani e disabili e gestisce servizi di bar presso uffici pubblici e scuole; Progresso 2000 di Alimena (Pa) che commercia all’ingrosso gelati e surgelati.
 


La lunga lista dei beneficiari del finanziamento
 
CATANIA - Veramente lungo l’elenco delle cooperative siciliane che godranno dei finanziamenti da due milioni stabiliti dall’Icarc, Istituto regionale per il credito alla cooperazione. Dalle attività di ristoro agli istituti e le associazioni impegnate sul sociale, dall’editoria all’accoglienza. Oltre a questo però si segnalano anche numerosi crediti di esercizio per lo start-up di impresa, concessi a dodici cooperative di nuova costituzione: la Bbk di Palermo che gestisce un negozio di arredamento; Nonni e figli felici di Palermo per avviare una comunità alloggio; Bouchon di Messina che gestisce un ristorante; Beauty Image group di Catania che commercia all’ingrosso prodotti di profumeria e cosmetica; Le petit bebè di Palermo e Il Nido di Palermo rivolti all’infanzia; Paradisea di Palermo che gestisce un negozio di  parrucche ria ed estetica; Hama che gestisce un albergo ad Ortigia e Impero officine del gusto; Campi siciliani di Gela; La fenice olii del calatino di Caltagirone (ct) che produce e confezione olio d’olica; La fenice di Patti (me) gestisce un commercio di prodotti cosmetici naturali.

Articolo pubblicato il 27 gennaio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐