Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

I fuoricorso ci costano 478 mln l’anno
di Roberto Quartarone

Ocse 2014: ogni studente costa in media alla società 7.750 € e in Sicilia gli irregolari sono oltre 61.000. A Catania il 51% di ritardatari, a Palermo il 42%, a Messina il 37%, al San Raffaele di Milano solo il 7,3%

Tags: Ocse, Studente, Università



PALERMO – C’è chi rimane parcheggiato per mancanza d’alternative, chi s’impantana a causa di esami molto più difficili di quanto s’aspettasse, chi si ritrova schiacciato tra lavoro e famiglia, chi si scontra con professori latitanti e programmi infiniti. Ci sono tanti motivi per cui gli studenti diventano “irregolari”: i fuoricorso contro cui spesso la politica s’è scagliata senza davvero cercare le ragioni o coltivare le soluzioni. C’è un costo, ingente, da sostenere: il problema dunque è più pressante di quanto non si creda.
“Non tornare più, non ci pensare mai a noi, non ti voltare, non scrivere”, implorava Alfredo a Salvatore nel film “Nuovo cinema paradiso”: la fuga dei cervelli dalla Sicilia è stata probabilmente istituzionalizzata da quelle parole.
Eppure ogni ragazzo che parte fa dilapidare alla Sicilia un piccolo capitale, tanto quant’è costata la sua istruzione nel corso degli anni.

Articolo pubblicato il 06 marzo 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus