Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia  su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Consiglieri abusivi, è ora di sloggiare
di Serena Giovanna Grasso

L’assessore all’Economia Baccei e il presidente dell’Ars Ardizzone si sono impegnati a tagliare gli sprechi. Cassare la Circolare 1/2011, riducendo le poltrone e i gettoni di presenza

Tags: Alessandro Baccei, Giovanni Ardizzone



PALERMO - Se anche in Sicilia - così come avvenuto nel resto d’Italia - fossero state applicate le leggi nazionali 191/2009 e 148/2011, oggi i Comuni della nostra Isola si ritroverebbero in cassa tanti bei soldini in più da spendere per infrastrutture o per servizi essenziali in favore dei cittadini.
La mancata applicazione delle norme citate, stoppate in Sicilia dalla circolare 1/2011 dell’assessorato alle Autonomie locali, ha infatti impedito netti tagli al numero dei consiglieri comunali eletti. Soltanto nel 2014, per esempio, quelli eletti “abusivamente” sono stati 198, per uno spreco complessivo (nel quinquennio) pari a oltre 100 milioni di euro.
Adesso, per fortuna, la musica sembra stia per cambiare e i tagli, dopo anni di rinvii, dovrebbero finalmente tradursi in realtà.

Articolo pubblicato il 21 marzo 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus