Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Inail, al via lo sportello virtuale per i lavoratori
di Andrea Carlino

Dal 16 marzo online uno strumento utilissimo per gli infortunati. Il servizio sarà presto disponibile anche su smartphone

Tags: Inail, Web, Internet



CATANIA - Dal 16 marzo è disponibile, tra i servizi online di INAIL, il nuovo “Sportello virtuale lavoratori”. Per i lavoratori infortunati, tecnopatici e titolari di rendita, è possibile  accedere online alla propria posizione tramite il portale dell’Inail (www.inail.it).

Il nuovo servizio consentirà, in questa prima versione, di consultare in tempo reale i dati anagrafici, lo stato della pratica, le modalità di pagamento, i pagamenti e il Cud. Il servizio è attivo su tutto il territorio nazionale e costituisce l’ambiente virtuale grazie al quale il lavoratore potrà avere informazioni personalizzate anche attraverso i canali “mobile” e contact center multicanale.
 
L’Inail sottolinea l’importanza del percorso, avviato da alcuni anni, di virtualizzazione della relazione con la propria utenza attraverso la graduale informatizzazione dei servizi offerti e lo sviluppo di una multicanalità integrata delle modalità di accesso. “Grazie allo Sportello virtuale i lavoratori infortunati, tecnopatici e titolari di rendita non avranno più la necessità di doversi recare in sede per conoscere lo stato della pratica, le modalità e la situazione dei pagamenti, ma potranno accedere online alla propria posizione.

Un deciso passo importante nella direzione della semplificazione, ha dichiarato il direttore generale dell’ente, Giuseppe Lucibello. Lo “Sportello virtuale lavoratori”, una volta a regime, porterà un sostanziale miglioramento della relazione tra Istituto e lavoratori infortunati e tecnopatici, consentendo loro di autenticarsi tramite una procedura guidata, partecipare direttamente al processo di gestione dei propri adempimenti, inoltrare telematicamente le richieste, ricevere risposte ai quesiti e fruire in autonomia del servizio richiesto. Tale innovazione renderà più trasparente l’attività dell’Istituto favorendo i rapporti con lavoratori e Patronati a vantaggio della semplificazione dell’accesso alle informazioni rilevanti, dell’utilizzo delle risorse nella gestione della relazione, del miglioramento dei flussi legati alla circolazione dell’informazione e della riduzione dei costi conseguenti alla dematerializzazione dei documenti.

L’accesso al servizio sarà, inoltre, successivamente disponibile tramite il canale mobile utilizzando dispositivi smartphone e tablet. Sono state già presentate al Forum PA lo scorso maggio 2014 le APP per le piattaforme Android e Windows Phone 8.1 e a breve saranno rilasciate, anche per la versione iOS, sugli Store pubblici.

Articolo pubblicato il 21 marzo 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus