Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Scuola secondaria: via libera a nuovi indirizzi
di Andrea Carlino

L’assessore Lo Bello ha firmato il decreto per attivare i percorsi di studio. Particolare attenzione è stata data ai corsi serali per adulti

Tags: Mariella Lo Bello, Scuola



CATANIA - L’assessore regionale all’Istruzione e alla Formazione professionale Mariella Lo Bello ha firmato il 6 marzo scorso il decreto per l’attivazione dei nuovi indirizzi di studio per le scuole secondarie di secondo grado, con decorrenza dall’anno scolastico 2015/2016. Il provvedimento ha già ricevuto il via libera del ministero dell’Istruzione ed è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.

Già ad ottobre scorso la Regione aveva invitato gli istituti d'istruzione secondaria di secondo grado ad avanzare proposte di istituzione di nuovi indirizzi di studio. I nuovi indirizzi di studio richiesti dovevano inoltre essere coerenti con la riforma della scuola superiore e proposti secondo le tabelle di confluenza degli istituti tecnici, degli istituti professionali e dei licei, per settore, indirizzo e articolazione. Il Dipartimento dell’Istruzione e della formazione professionale ha quindi redatto una relazione istruttoria in merito ai nuovi indirizzi di studio per le scuole secondarie di secondo grado nell’anno scolastico 2015/2016, valutando se le richieste fossero rispondenti ai requisiti di coerenza ed omogeneità ai processi di razionalizzazione della rete scolastica.

L’istituzione scolastica idonea dovrà osservare i limiti indicati dalle vigenti disposizioni in materia di dotazione organica del personale docente: tutte condizioni che dovranno essere verificate dal direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale per la Sicilia. Qualora dovesse venire a mancare il numero prescritto di alunni, l'attivazione dei nuovi indirizzi di studio verrà posticipata all'anno scolastico successivo. Particolare attenzione è stata prestata ai corsi serali per adulti ad indirizzo tecnico-professionale in grado di garantire un reale inserimento lavorativo, quali Enogastronomia e ospitalità alberghiera, Servizi socio-sanitari e Manutenzione e assistenza tecnica e all’attivazione di corsi all’interno delle carceri nelle province di Caltanissetta, Siracusa e Catania al fine di favorire un efficace reinserimento sociale dei detenuti.

In 175 istituti scolastici dislocati in tutta la Sicilia verranno quindi avviati complessivamente oltre cento nuovi indirizzi di studio, in base alle richieste avanzate all’assessorato regionale: la provincia in cui il maggior numero di scuole coinvolte è Catania con 39 istituti scolastici, seguita da Messina (23), Agrigento (22), Palermo (20), Enna (19), Caltanissetta (17), Trapani (14),Siracusa (12). Chiude Ragusa con 9.

Articolo pubblicato il 25 marzo 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐