Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

L’odissea degli studenti pendolari tra ritardi e treni soppressi
di Giorgia Lodato

I fuorisede denunciano i problemi quotidiani con i mezzi pubblici. Spesso le difficoltà sono anche all’interno delle città

Tags: Università, Trasporti



CATANIA - Esami saltati, ritardi a lezione, richiami e inviti alla puntualità da parte dei docenti. Viaggi scomodi in cabine sporche, in mezzo alla confusione, a volte in piedi per tutto il tragitto. Sono i problemi che denunciano gli studenti universitari fuorisede, che ogni giorno si svegliano circa tre ore prima dei fortunati colleghi ‘cittadini’ per iniziare la loro odissea quotidiana.

“A volte i treni vengono cancellati, altre volte portano ritardo - racconta Federica, che frequenta la specialistica all’Università di Catania e ogni giorno arriva da Messina. Si potrebbero migliorare la puntualità, la manutenzione e la pulizia: con i treni viaggiano tantissime persone e penso che tenere l’ambiente pulito sia fondamentale per il corretto funzionamento del servizio”.

Federica Giannone viaggiava da Ragusa: “Ho molto sofferto l’essere pendolare perché venivo con l'autobus e, soprattutto i primi anni, il servizio non eccelleva. Non c'erano corse ogni ora e soprattutto il lunedì e il venerdì, essendoci molta confusione, si rischiava di viaggiare scomodamente. Spesso per evitare questo stress me ne andavo prima saltando le lezioni o restavo a Catania durante il weekend”.

Con il tempo l’organizzazione è migliorata e molti studenti sono riusciti a conciliare gli orari delle lezioni con quelli dell'autobus, anche se la situazione restava stancante. “L’essere pendolare non pesa se si ha un mezzo proprio; alcuni amici venivano da Ragusa con la macchina e si trovavano benissimo, a parte la guida dentro Catania che è più caotica rispetto a quella di Ragusa”.

“Non c’è differenza tra chi utilizza spesso i mezzi, come gli studenti che viaggiano quotidianamente, e chi li usa sporadicamente - dice Fabrizio Parla che frequenta Scienze Politiche ed è rappresentate degli studenti nel CdA dell’Università di Catania - niente sconti e niente agevolazioni. I rimborsi ci sono per chi vince la borsa di studio e questo dipende dai Comuni”.

Ma le difficoltà sono anche dentro la città: è stato richiesto di ripristinare un servizio navetta per la cittadella universitaria, interrotto perché all’Università costava troppo. “Si sta cercando una soluzione che sia conveniente per le ditte, l’Università e gli studenti”.

Giosuè Malaponti, Presidente del Comitato Pendolari, usa regolarmente il treno e anche per lui a volte sorgono dei problemi: “La puntualità dipende dai giorni. Capita di arrivare in stazione e sentire la solita tiritera dei cinque-dieci minuti, che diventano cinquanta prima della comunicazione ufficiale: ‘treno soppresso’. Mancando la storica figura del capostazione è necessario che l’azienda trovi un modo per comunicare in tempo questi imprevisti”.

Articolo pubblicato il 01 aprile 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus