Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia Ŕ su Twitterrss qds
Quotidiano di Sicilia
Il QdS sul tuo smartphone
Scegli la tua app

Mi passi il sale? Si, ma solo se iodato!
di Maria Francesca Fisichella

Al via già dallo scorso lunedì 18 maggio la settimana mondiale della tiroide che si concluderà il prossimo 25 maggio.

Tags: Tiroide, Salute, Sanità



Al via già dallo scorso lunedì 18 maggio la settimana mondiale della tiroide che si concluderà il prossimo 25 maggio. I centri che in Sicilia organizzeranno iniziative di informazione sono: l’Associazione dei malati di tumore della tiroide e Associati a Palermo; Catania il Policlinico “Morgagni” e, infine, Messina con le iniziative dell’Istituto Clinico Polispecialistico di Cure ortopediche traumatologiche.

Perché sensibilizzare l'opinione pubblica e il mondo scientifico sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo all'azione preventiva della iodoprofilassi? Perché - si legge sul sito del ministero della Salute - la carenza di iodio è la causa principale del gozzo, per citare solo uno dei “disturbi da carenza iodica”.
 
Capire in che modo si può aumentare l’introito di iodio giornaliero, quali alimenti lo contengono in maggiore quantità, e se durante gravidanza e allattamento bisogna assumerne di più sono questioni che possono migliorare la salute. Non è un caso se in Italia una legge, la n. 55 del 21 marzo 2005, prevede una serie di misure finalizzate a promuovere il consumo di sale iodato su tutto il territorio nazionale.

Articolo pubblicato il 19 maggio 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus

´╗┐