Per accedere al QdS ed all'archivio utente password registrati e abbonatipassword dimenticata
facebook qdsIl Quotidiano di Sicilia � su Twitterrss qds

Quotidiano di Sicilia

Viadotto Himera, M5S finanzia un collegamento con Caltavuturo
di Giovanna Naccari

Autostrada Palermo-Catania interrotta, raccolti 300 mila euro per rendere strada una trazzera danneggiata dal traffico. Intesa tra gruppo Ars, Comune e Comitato civico: “Così la politica risolve i problemi”

Tags: Viadotto Himera, Autostrada, Catania-palermo, M5s



PALERMO – Con il loro stipendio di deputato dell’Ars finanzieranno i lavori per la regia trazzera “Prestanfuso” di Caltavuturo, il percorso alternativo  transitato dagli automobilisti che percorrono la ‘Palermo-Catania’ dopo il crollo del pilone del viadotto Himera sulla A19. La strada è l’unica via di collegamento con la A19 che evita il lungo giro da Polizzi Generosa. L’iniziativa è del gruppo Movimento 5 stelle e ieri stata presentata ieri all’Ars con la diretta streaming con Caltavuturo. I deputati raccoglieranno 300 mila euro per coprire le spese. I lavori dovrebbero iniziare entro dieci giorni e durare un mese.

A lanciare l’appello per pavimentare l’arteria erano stati il sindaco del comune di Caltavuturo, Domenico Giannopolo e il Comitato civico locale. Dopo il crollo del viadotto, la trazzera era stata sistemata gratuitamente da due imprese edili per servire i comuni di Caltavuturo e Sclafani Bagni. Ma quando gli automobilisti ne sono venuti a conoscenza, il traffico veicolare è aumentato danneggiando la pavimentazione.

Da qui l’idea del Comitato civico di raccogliere fondi con un appello rivolto ad Istituzioni, banche e privati per rendere sicura la strada.
“Abbiamo guardato ai problemi dei cittadini e  deciso di finanziare il progetto - ha affermato il capogruppo Salvo Siragusa - Intanto, a più di due mesi dal crollo del pilone, sull’inizio dei lavori nell’A19 regna l’estrema confusione”. 

La strada-scorciatoia è lunga un chilometro e larga cinque metri. Sarà realizzata in calcestruzzo con canali di gronda e guard-rail. Previsti semafori e segnaletica per aggirare l’interruzione sulla A19. Il percorso durerà 40 minuti in meno rispetto a quello che si compie da Polizzi Generosa. Chi andrà a Catania, da Palermo uscirà a Scillato e con l’arteria entrerà a Tremonzelli. Per chi viaggerà in direzione opposta, l’uscita sarà a Tremonzelli e il rientro a Scillato. Il comune di Caltavuturo ha il progetto esecutivo e le autorizzazioni. I fondi dei Cinquestelle saranno utilizzati con un protocollo d’intesa siglato con il Comune e il Comitato civico.

“Siamo 14 deputati, numericamente come il governo regionale – ha detto Giorgio Ciaccio – ma noi ci siamo riuniti ed abbiamo trovato una risposta ad un problema”.

Ha aggiunto Giancarlo Cancelleri: “La politica deve andare incontro alle esigenze della gente ed è normale che chi guadagna 15 mila euro al mese deve trovare risposte”.

Per Sergio Tancredi: “Sarebbe un bel segnale, da parte di altri deputati dell’Ars, contribuire al progetto”. Intanto i parlamentari nazionali pentastellati eletti in Sicilia lavorano ad un piano per superare le lungaggini dell’inizio dei lavori sulla A19. L’iniziativa sarà presentata martedì alla stampa.

Articolo pubblicato il 12 giugno 2015 - © RIPRODUZIONE RISERVATA


comments powered by Disqus